Weekend spettacolare all'Autodromo

Qualifiche spettacolari e gare avvincenti nella seconda giornata del Gruppo Peroni Race Weekend all’Autodromo di Imola
25.05.2019 23:15 di Carlo Dall'Aglio   Vedi letture
Fonte: Formula Imola
Weekend spettacolare all'Autodromo

Il quarto appuntamento stagionale del Gruppo Peroni Race, in programma all’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari, è entrato nel vivo con la giornata di qualifiche delle otto categorie impegnate e la disputa delle prime tre gare. In pista Clio Cup Italia, Lotus Cup Italia, Clio Cup France, 7 Race Series, Alfa Revival Cup, Novecento GT Race Cup, Campionato Italiano Auto Storiche e la Coppa Italia Turismo.

Pole position di Alessio Caiola nella Coppa Italia Turismo. Al volante della Cupra TCR DSG ha fatto segnare il tempo di 1’55”094, crono che ha resistito dagli attacchi di Alessio Aiello (Honda Civic), staccato di 0”174. Dalla seconda fila scatteranno Raffaele Lissignoli (Cupra TCR) e Daniele Cappellari (Golf GTi), mentre apre la terza Edoardo Barbolini (Audi RS3). Questi cinque conduttori sono stati gli unici a girare sotto l’1’56”, pronti a giocarsi vittoria e podio in due gare che si annunciano molto equilibrate.

Distacchi consistenti nel Campionato Italiano Auto Storiche. Il miglior crono l’hanno fatto segnare Massimo e Marco Guerra (Porsche 935), che hanno lasciato a 4” Massimo Ronconi (Porsche 930). Ancora più nette le differenze sul giro per i piazzati in seconda fila: terzo crono per Giacomo Jelmini (Porsche 911) a oltre 14”, quarto per Francesco Liberatore – Francesco Zadotti (A.R.75) a 17”.

Nella Novecento GT Race giro veloce per Enrico Quinzio, autore di un ottimo 1’45”635, tanto da fare il vuoto alle sue spalle. Equilibrio invece nelle altre posizioni, con Davide Scannicchi, Andrea Sapino e Togo, piazzatisi nell’ordine, racchiusi in uno spazio di sei decimi.

Avvincente gara 1 della Clio Cup France con un duello corpo a corpo tra Dorian Guldenfels e Thibaut Bossy, scattati entrambi dalla seconda fila.  Arrivo in volata a favore del primo, bravo a contenere con autorità tutti gli attacchi del rivale. Non meno avvincente la lotta per l’ultimo gradino del podio. Anche in questo caso decisione allo sprint tra quattro conduttori, con Luis Gonzalez che ha prevalso su Corentin Tierce, autore della pole, David Pouget e Benoit Castagne.

Gara 7 Race Series decisa dalle penalità. L’ordine di arrivo aveva infatti visto il successo di Lee Wiggins, autore della pole, davanti a Chris Wright. Entrambi i conduttori sono stati sanzionati però con una penalità di 10” e così la vittoria è andata a Sean Byrne, autore comunque di una gara nelle prime posizioni. Seconda posizione per Steve Day, terzo gradino del podio per Danny Killeen..

Nell’Alfa Revival Cup il successo è andato a Roberto Arnaldi, grande favorito dopo aver fatto segnare la pole position, che ha guidato la gara dal primo all’ultimo giro, vincendo in scioltezza. Confermando i risultati delle qualifiche, sul secondo gradino del podio è salito l’austriaco Gerald Grohmann, terza posizione per il tedesco Mathias Korber. Positivo il risultato di Marco Guerra, piazzatosi quarto.

Nella qualifica 1 della Clio Cup Italia la pole position l’ha conquistata Fulvio Ferri col tempo di 2’03”344, al suo fianco in griglia Filippo Distrutti, staccato di 0”242. Seconda fila per Felice Jelmini (2’03”669) e Matteo Poloni (2’03”826); nella qualifica 2, pole bis per Ferri (2’03”073) davanti a Poloni (2’03”087), in seconda fila Distrutti (2’03”226) 3 Jelmini (2’03”300).

Lotus Cup Italia con i migliori quattro conduttori della qualifica a giocarsi nella Superpole le prime due file di gara 1 e 2. A conquistare la pole position è stato Matteo Deflorian davanti a Nicolò Liana, quindi Franco Nespoli e Francesco Garisto.