Febbre alta Grifo: -38

Contro l’Olimpia Castello arriva una pesante lezione dagli uomini di Regazzi, ma solo nella ripresa
10.03.2019 11:49 di Carlo Dall'Aglio  articolo letto 26 volte
Fonte: Grifo Imola
Il nuovo Grifo Paciello
Il nuovo Grifo Paciello

RIVIT –Olimpia CSPT 54-92 (11-22, 37-37, 48-62)
Grifo: Pontrelli, Riguzzi 7, D’Emilio 2, Mondini 10, Pampani 3, Creti, Rossi, Orlando 16, Paciello 7, Cenni 5, Martini 3, Castelli 3. All. Palumbi
Olimpia: Sangiorgi ne, Curti 2, Mondanelli, Sabattani 9, Procaccio 7, Pedini 2, Dall’Osso 11, Benedetti 7, Lalanne 4, Parenti 13, Trombetti 21, Mazza 16. All. Regazzi
Arbitri: Fiocchi e Di Marco

Pesante passaggio a vuoto della Grifo, in casa, contro la corazzata Olimpia Castello che si riprende, con gli interessi, quanto gettato al vento nei playout della scorsa stagione, quando Imola festeggiò la permanenza i categoria.

Gli uomini di coach Marco Regazzi impartisce una sonora lezione a una Rivit che, però, crolla nella ripresa dopo aver giocato alla pari nei primi 20’. All’intervallo, infatti, le due squadre ci arrivano sul 37-37, con Imola ancora completamente in partita dopo aver piazzato un clamoroso break di 19-4 (che impatta l’iniziale 4-20) a cavallo dei primi due quarti, grazie soprattutto a Orlando.

Al rientro in campo, nel terzo quarto, coach Regazzi schiera quanto di meglio dispone e le sue armi migliori colpiscono i locali: in 20’ il parziale è di 17-55 ed evidentemente Castello può festeggiare grazie ad una difesa a zona insuperabile per i tiratori imolesi ed alle “pietre” scagliate da Trombetti, Parenti e Mazza che affondano la Rivit.

 

Classifica:

Molinella 38, Olimpia Castello e Virtus Medicina 34, Dulca Santarcangelo 32, Rebasket 30, Persiceto 26, Fortitudo 24, Novellara 22, Artusiana Forlimpopoli 20, Atletico Basket e Granarolo 18, Zola Predosa 14, CVD 12, Castenaso 10, Castelfranco e Grifo Imola 8.