Grifo ad un passo dalla qualificazione

In Coppa Ferrari i ragazzi di Palumbi escono a testa alta contro Gaetano Scirea
 di Carlo Dall'Aglio  articolo letto 70 volte
Fonte: Grifo Basket
Grifo ad un passo dalla qualificazione

Coppa Ferrari – 1° turno

RIVIT Grifo Imola – Gaetano Scirea Bertinoro 63-64

(17-16, 34-40, 53-51)

Rivit:  Sgubbi ne, Turrini 2, Baruzzi 2, Lucchetta 10, Bonetti 16, Lanzoni 5, Orlando 7, Sgorbati 14, Martini 3, Borgognoni 4, Castelli. All. Palumbi

Gaetano Scirea: Frigoli 11, En. Solfrizzi 10, Conocchiari 7, Zoboli 5, Bergantini 4, Ravaioli 2, Bracci 4, Gellera Malavolti 12, Del Zozzo, Biandino, Godoli 2, Em. Solfrizzi 7. All. Brighina

Arbitri Volgarino di Imola e Bonaga di Bologna

 

Il cammino in Coppa Ferrari termina, ingiustamente, al primo turno per la Rivita Grifo Imola di coach Palumbi. Contro un’avversaria di categoria superiore (Serie C Gold) Sgorbati e compagni lottano alla pari, mantenendo a lungo il pallino del gioco, ma alla sirena finale sono i forlivesi a tirare un sospiro di sollievo.  L’infrazione di passi sanzionata  a Sgorbati nell’ultima azione allo scadere cambia il volto del risultato e rimarca la delusione tra i locali per l’occasione sciupata.

Coach Palumbi è costretto a fare a meno della coppia di pivot Russu e Zaccherini (sostituiti dal trio Sgorbati, Martini e Borgognoni sotto canestro), di Guglielmo e del secondo playmaker Bartoli (sostituito da Baruzzi).

Ottimo esordio di Bonetti in cabina di regia, impressionante l’atletismo di Borgognoni, che mostra anche ampi margini di miglioramento nella gestione delle scelte, concreto l’apporto di Martini nel pitturato, buona tenuta del campo anche per l’under Turrini.

La gara non è entusiasmante nelle prime fasi, chiaramente a causa della preparazione atletica, con Frigoli e Sgorbati a darsi battaglia in fase realizzativa. La partita è piuttosto spezzettata dai falli e dai conseguenti tiri liberi, con la Rivit abile a tentare la fuga sul 55-51 ad inizio dell’ultimo quarto. Sul 61-55 firmato da Borgognoni, Lucchetta ed Orlando, la Grifo inizia a cullare il sogno, a circa 5’ dalla fine. Gli ultimi giri di lancette, però, non portano fortuna agli imolesi perché il canestro di Emiliano Solfrizzi ferma il tabellone sul 63-64. La fischiata arbitrale allo scadere impedisce alla Rivit di festeggiare la qualificazione.