Grifo in festa

Una grande Rivit festeggia la salvezza in Serie C Silver
25.05.2018 09:36 di Carlo Dall'Aglio  articolo letto 114 volte
Fonte: Grifo Basket
Grifo in festa

RIVIT - Olimpia Castello 58-51 (14-15, 29-33, 44-42)

RIVIT: D’Emilio, Bartoli 6, Russu 6, Guglielmo 2, Lucchetta 2, Pasini 3, Orlando 13, Zaccherini ne, Sgorbati 8, Martini 11, Borgognoni 5, Castelli 2. All. Palumbi

Olimpia: Fimiani 2, Bonetti ne, Dall’Osso 17, Pedini 3, Beccaletto 4, Cavina 8, Zambrini 11, Pellacani 4, Lugli, Governatori, Sabattani 2. All. Martinelli

Arbitri: Bortolotto di Castello di Godego (TV) e Bastianel di S. Vendemmiano (TV)

 

Con due grandi partite la Grifo Rivit Imola può festeggiare la permanenza in Serie C Silver, dimostrando agli scettici di poter vivere in questa categoria. Grande festa per la squadra di coach Palumbi, leader e condottiero di un gruppo che ha saputo reagire insieme ad un avvio catastrofico, condito da 11 sconfitte consecutive. Da quel momento la Grifo ha saputo trovare le energie mentali per risalire in classifica e pescare nello spareggio playout un’Olimpia Castello, invece, in caduta libera. Dopo le prime 8 vittorie consecutive, infatti, Zambrini e compagni sono incappati in un’involuzione in classifica impensabile a dicembre. Purtroppo per i giallorossi, oltre all’ex virtussino e a Dall’Osso, in pochi hanno saputo reggere il confronto nella doppia sfida che valeva la stagione e la salvezza.

La gara si apre con un’Olimpia decisa ad allungare la serie e infatti si porta in vantaggio 4-10 dopo soli 5 minuti. Il time out di coach Palumbi mette ordine nelle file imolesi con Orlando (7 punti) e Borgognoni (5 punti) che rimettono in scia la Grifo. Dopo un minuto e mezzo di secondo periodo è Martini a dare la prima parità alla RIVIT (18-18) e poi anche il primo vantaggio con il canestro e fallo del 23-20. L’Olimpia approfitta di un tecnico alla panchina imolese per riportarsi avanti (25-27 a tre e mezzo dalla pausa lunga). Al rientro ancora Orlando e Martini mandano avanti la Grifo (34-33) e l’allungo arriva fino al 38-34 siglato da Bartoli. Sabattani e Dall’Osso ricuciono a poco meno di quattro minuti dalla terza sirena le due squadre sono ancora in parità a quota 38. Sono due bombe di Sgorbati a rompere definitivamente la contesa (44-38) dando alla Grifo quel piccolo vantaggio che difenderà con i denti per i restanti dodici minuti. In avvio di quarto periodo un canestro di Pasini poi 5 minuti di buio totale da entrambe le parti (come in gara 1 la palla diventa pesante men mano che si avvicina la fine della contesa). Poi è Bartoli (1/2 dalla lunetta) a togliere le ragnatele dalla retina. Si entra nell’ultimo minuto con un altro 1/2 di Bartoli (55-48), poi Cavina da tre, Pasini 1/2, un errore dalla lunga di Zambrini ed infine i due liberi della staffa di capitan Guglielmo chiudono la gara, con 18 secondi da giocare. Anche l’ultimo disperato tentativo dell’Olimpia si spegne tra le braccia dei rimbalzisti imolesi, che possono poi solo festeggiare assieme ai numerosi tifosi sugli spalti e postare in trionfo prima coach Palumbi e poi il main sponsor ovvero il “signor RIVIT”.