Occasione d'oro per Riccardo Brusa

La Virtus Imola ha scelto il giovane coach per guidare la promettente Under 18 giallonera
04.10.2019 11:49 di Carlo Dall'Aglio   Vedi letture
Fonte: Virtus Imola
Riccardo Brusa
Riccardo Brusa

Si è concluso il torneo "Simone nel Cuore", riservato alla categoria Under 13, ormai giunto alla 7° Riccardo Brusa è il nuovo coach della formazione Under 18 Gold dell’Intech Virtus Imola. Scelta coraggiosa della Società giallonera che affida la squadra di punta del settore giovanile alla giovane promessa della panchina imolese. Ed il coraggio a Brusa non manca di certo, vista la disponibilità e l’entusiasmo mostrati nell’accettare anche il ruolo di vice coach under 14 e Promozione.

 Quali sono le motivazioni che ti spingono in questa nuova avventura?

“Quando a giugno Giovanni Savio mi ha comunicato che sarei stato il nuovo allenatore di questo gruppo ero davvero felice e lo sono tutt’ora. Dopo due anni da vice, prima a Gigio Zotti e poi a Tassinari che ringrazio tanto per tutte le cose che mi hanno insegnato, non ci ho pensato due volte a dire di sì. La motivazione c’è sempre stata, era tanta anche prima, ora probabilmente lo è ancora di più. Cercherò davvero di dare tutto me stesso fino a fine anno”.

Una squadra nuova, con qualche gradito ritorno e dalle interessanti prospettive?

“La squadra è nuova e vecchia allo stesso tempo se così si può dire. Abbiamo mantenuto il “blocco storico” della squadra composto da 10 ragazzi che giocano insieme dal mini basket, in più abbiamo aggiunto un nuovo ragazzo e 4 ragazzi del 2002. Con Giovanni Savio abbiamo cercato fin da giugno, sentendoci quotidianamente, di organizzare le cose per il meglio. Posso solo ringraziarlo perché ha davvero cercato di accontentarmi in tutte le cose che gli ho chiesto”.

Una stagione già iniziata un mese fa con il ritiro a Casola Valsenio e già tanti allenamenti in palestra:

“Si, abbiamo iniziato la stagione il 26 agosto. A fine agosto abbiamo organizzato un ritiro di 3 giorni con tutta la squadra ed è stata una fantastica esperienza, sia sul lavoro fisico/tecnico svolto, ma soprattutto sull’aspetto umano: vedere 15 ragazzi che si impegnano, si aiutano a vicenda nonostante la fatica degli allenamenti è davvero una cosa che mi porterò dentro per tanto tempo. Per il resto gli allenamenti vanno bene, cerchiamo di allenarci il più possibile, sfruttando tutti gli spazi palestra disponibili. Certamente siamo solo all’inizio, io devo ancora capire molte cose e loro anche. Ma vedo che la strada è quella giusta perché settimana dopo settimana i miglioramenti si vedono. Pian piano arriveremo dove vogliamo arrivare”.

I tuoi obiettivi stagionali?

“Realmente non ho obiettivi se non uno: il 26 agosto sono entrati in palestra 15 ragazzi e vorrei che il 31 maggio del prossimo anno, quando finirà questa stagione sportiva, siano quegli stessi 15 ragazzi a uscire dalla palestra, ciò significherebbe non “perdere” nessun ragazzo durante l’anno. Al di là di questo “obiettivo personale”, l’idea mia e di Giovanni Savio era ed è quella di iniziare a far capire ai ragazzi come ci si comporta in una squadra seniores. Tanti ragazzi hanno già iniziato ad allenarsi con la prima squadra della Virtus o con la squadra di Promozione. Spero proprio che questo lavoro che stiamo portando avanti tra Under 18, C Gold e Promozione possa durare fino a fine anno in modo che i ragazzi abbiano la possibilità di crescere sia sotto l’aspetto tecnico che mentale. Per il resto dobbiamo solo lavorare, se i ragazzi continueranno a venire in palestra con la stessa voglia vista finora, sono sicuro che potranno togliersi tante piccole soddisfazioni personali. C’è tanto entusiasmo e voglia di fare e credo che questo sia già il primo “obiettivo stagionale” raggiunto!”