Gatteo superiore

Sassoleone Calcio a 5 Maschile, “Black Saturday” contro il Gatteo. Priva di capitan Longari, Pastore e Quattrosoldi, la squadra di mister Iosca crolla tra le mura amiche contro il fanalino di coda.


03.12.2018 00:09 di Carlo Dall'Aglio  articolo letto 12 volte
Fonte: Sassoleone
Pasini
Pasini

Sassoleone-Ceisa Gatteo 1-8
Sassoleone: Tedesco, Bui, Terenzi, Bellosi, Sandri, P.Palladino, G.Palladino, Gavanelli, Mignogna, Marcorello, Pasini, Negri. All. Daniel Iosca
Gatteo: Di Gilio, Rizzo, Berlati, Battaglia, Valente, Adani, Faedi, Perrozzi, A.Colinucci, Muha, F.Colinucci, Zavoli.  All. Luca Pollini
Arbitro: Sig. Siboni (Ravenna)
Marcatori: 2’ Adani (C), 15’, 35’, 48’ F.Colinucci (C), 21’, 52’, 60’ Berlati (C), 33’ Pasini (S), 58’ Rizzo (C).

Terzo ko di fila ed uscita dalla zona play-off. Il peggior Sassoleone della stagione cade fragorosamente in casa contro il Ceisa Gatteo, mai vittorioso finora, e scende al sesto posto in classifica, superato da Erba 14 e Futsal Romagna. A parziale scusante della nerissima giornata della squadra di casa le numerose assenze che hanno falcidiato il roster a disposizione di mister Iosca, mai capace di reggere il ritmo degli indiavolati ospiti.

Il presagio di un sabato storto è evidente sin dagli albori della gara: dopo appena due primi è già vantaggio dei gatteesi con Adani, bravo a recuperare palla e trafiggere Negri (0-1). Incapace di reagire, il Sassoleone subisce il raddoppio a firma Francesco Colinucci al 15’ (0-2) e capitola nuovamente al 21’, complice la marcatura di Berlati (0-3), senza rendersi praticamente mai pericoloso nella metà campo avversaria.

Il migliore approccio alla gara, nella ripresa, sembra far propendere ad un recupero della squadra di casa. Paolo Palladino, al 33’, trova il passaggio giusto per Pasini, abile nel realizzare la rete che accorcia le distanze (1-3). Ci pensa ancora Francesco Colinucci, meno di 120 secondi dopo, a rimettere tre gol di scarto tra le due formazioni (1-4), per poi trovare la tripletta personale al 48’ dopo un pasticcio dei locali, che regalano una punizione dal limite agli avversari con un retropassaggio non consentito (1-5). Uno scatenato Adani, capace di entrare in tutte le pericolose azioni offensive ospiti, rompe letteralmente in due la difesa di un Sassoleone assente ingiustificato; Berlati ringrazia e porta a sei le reti dei suoi al 52’ (1-6). La soluzione d’emergenza del portiere di movimento non produce effetto alcuno in sede offensiva e spinge mister Iosca a rinunciarvi, preferendo lanciare il giovane Tedesco. È un altro millennial, però, a prendersi la scena: Rizzo, servito da Adani, mette il suo sigillo sulla gara al 58’ (1-7). Con lo stesso Tedesco utilizzato come quinto uomo, il Gatteo inferisce su una squadra di casa inerme e Berlati, direttamente dalla propria area (60’, 1-8), bissa il conto delle triplette giornaliere per la Pollini’s band, ancora in fondo alla classifica ma senza più l’assillo dello zero nella casella delle vittorie.