E sciaff ed San Mevar

Gli uomini di Gadda meriterebbero ben altra sorte dalla trasferta cesenate, ma la Sammaurese è lesta ad approfittare della rete di Jogan che vale 3 punti.
08.01.2018 17:45 di Carlo Dall'Aglio  articolo letto 62 volte
Fonte: Francesco Dottori
Mister Massimo Gadda
Mister Massimo Gadda

SAMMAURESE-IMOLESE 1-0
Sammaurese: Passaniti, Pesaresi, Tartabini, Rosini, Venturi (37’ Louati), Lombardi, Lucchese, Scarponi, Jogan, Santoni, Nicoli. A disp.: Benedettini, Giulianelli, Rigoni, Rossi, Sapucci, Bianconi, Colley, Bonandi. All.: Protti.
Imolese: Rossi, Sereni, Checchi, Boccardi, Garattoni, Galanti (84’ Salvatori), Guatieri, Carraro, Borrelli (73’ Miotto), Belcastro (63’ Franchini), Pittarello. A disp.: Mastropietro, Cheli, Boccadamo, Montanaro, Pellacani, Garavini. All.: Gadda.
Arbitro: Pirrotta (Barcellona Pozzo di Gotto)
Marcatori: Jogan (82')
 

Inizia con il piede sbagliato il 2018 (e il girone di ritorno) dell'Imolese: al "Macrelli" di San Mauro Pascoli va in scena la più inaspettata delle battute d'arresto per gli uomini di Gadda, battuti per una rete a zero. Bisogna riconoscere che la malasorte gioca un ruolo fondamentale nell'economia della sconfitta, con innumerevoli salvataggi in extremis della retroguardia locale ed un legno centrato nel finale. Non accade praticamente nulla nei primi 45 minuti di gioco: dopo una mezza occasione per parte è l'Imolese a sfiorare il vantaggio, con la retroguradia adriatica che sfiora l'autogol deviando il tiro di Checchi. Nella ripresa ci provano prima Belcastro, che sfiora il palo, poi Pittarello, che vede la sua incornata incredibilmente respinta dalla difesa avversaria. La Sammaurese si scuote e trova il vantaggio a 8' dalla fine con il colpo di testa di Jogan. La reazione rossoblù è veemente: Franchini sfiora l'eurogol in rovesciata, ma ancora un incredibile salvataggio sulla linea salva i locali, poi in pieno recupero è la traversa a dire di no a Carraro dopo l'ennesimo intervento in extremis della retroguardia. Nel frattempo il Rimini si aggudicava la partitissima di giornata sul campo di Fiorenzuola (0-1): i biancorossi si prendono quindi la vetta della classifica, che ora dista ben 8 lunghezze dall'Imolese. Il margine di errore è di fatto diventato nuovamente pari a zero per la squadra di Spagnoli, che domenica riceverà la Sangiovannese. Gli aretini, grande rivelazione del Girone D dopo il ripescaggio al termine della scorsa stagione, arrivano all'appuntamento del "Romeo Galli" col fiato sul collo dei rossoblù: il loro punto di forza sta nella difesa, una delle meno perforate del torneo, mentre l'attacco fa decisamente più fatica. Il bomber della squadra è Jukic, già in doppia cifra; ottimo anche il rendimento del trequartista Keqi, a quota 5. In difesa, oltre ai due portieri Scarpelli e Valoriani, si stanno distinguendo i giovanissimi Bini, Nannini e Kouadio, mentre dal mercato di riparazione sono arrivati i centrocampisti Mazzoli, svincolato, e Disanto dall'Arezzo.