Aglio lotta a Fondi

“Mordano è casa mia, adesso sono a Fondi e sto molto bene. Per il futuro chi lo sa”
 di Carlo Dall'Aglio  articolo letto 836 volte
Fonte: Mirko Melandri
Andrea Dall'Aglio
Andrea Dall'Aglio

Dal Romagna al Fondi. Il jolly Andrea Dall’Aglio, nel mercato estivo, ha cambiato girone passando nel C nelle fila della squadra della provincia di Latina. “Aglio” sta lottando per le posizioni di rincalzo, dietro alle fuggitive Conversano e Fasano.

Come sta andando la nuova avventura?

“Sta andando molto bene. Siamo una squadra nuova ed abbiamo subito sconfitte che ci potevamo risparmiare ma con tanto lavoro sul campo e un po’ di fortuna, abbiamo rimesso la stagione nei giusti binari”.

Segue la sua ex squadra, il Romagna?

“Sì, lo seguo spesso e, ogni tanto, chiedo a mio fratello Carlo, che è l’addetto stampa, come hanno giocato”.

Si aspettava questo andamento dei bianconeri in campionato?

“Sì, mi aspettavo questo rendimento da squadra giovane  che va in campo e lotta, poi è normale che possano perdere. Anche perché, tra i titolari, cinque sono alla prima stagione in serie A”.

Quali sono gli aspetti positivi di avere una squadra così giovane?

“Gli aspetti positivi sono che i giocatori non hanno niente da perdere e tutto quello che fanno in più è tutto di guadagnato. Potrebbero lottare ancora per una salvezza che a inizio anno era insperata.

Che ricordi conserva dell’esperienza al Romagna?

“I miei ricordi sono bellissimi, dal mio esordio appena sedicenne agli scudetti giovanili, fino alla promozione in Elite e alle semifinali valide per lo scudetto e di Coppa Italia e, soprattutto, alle due Coppe europee in Croazia e Portogallo”.

Pensa che ci possa essere uno spiraglio per tornare?

“Mordano è casa mia, adesso sono a Fondi e sto molto bene. Per il futuro chi lo sa”.

 

Intervista pubblicata il 13/01/2018 su "Il Resto del Carlino - Imola"

Mirko Melandri