Che successo il 23° Gp Fabbi Imola

Il 23° Gp Fabbi Imola va in archivio con oltre 750 ragazzi e ragazze tra i 7 e i 16 anni iscritti in due soli giorni di gara. Una partecipazione proveniente da ben 12 Regioni italiane
23.07.2018 07:19 di Carlo Dall'Aglio  articolo letto 131 volte
Fonte: Ciclistica Santerno Imola
Gli Allievi nel diluvio
Gli Allievi nel diluvio

Va in archivio l’edizione numero 23 del Gran Premio Fabbi Imola. Quasi 295 Giovanissimi, 250 Esordienti e 196 Allievi: questi i numeri di questo appuntamento organizzato dalla Ciclistica Santerno Fabbi Imola, che vanta la collaborazione di oltre 100 volontari, ex ciclisti e non

L’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola, struttura polivalente a tutti gli effetti e ideale per lo svolgimento dell’attività ciclistica giovanile, certamente aumenta il fascino della manifestazione.

Sabato, al debutto della due giorni, i Giovanissimi (7-12 anni) che partecipano al “20° Memorial Gino Brusa”, con un percorso di 1,3 km ricavato tra il rettilineo d'arrivo dell'Autodromo e la pit-lane. Necessarie ben 10 batterie (in 6 categorie, oltre alla sfilata promozionale dei “PG” di 6 anni) per far gareggiare tutti i numerosi iscritti. Al termine delle gare, le premiazioni finali sono state partecipate e divertenti, un bel momento di aggregazione e festa per tutti, non amplificazione del risultato agonistico, che sarebbe esasperata vista la giovane età dei partecipanti.

Domenica 22 luglio, i 270 iscritti alle due gare Esordienti si sono sfidati in corse molto combattute ed entrambe dall’esito incerto fino all’ultimo. Le gare per Esordienti erano anche valevoli come terza prova della Bologna Cycling Cup, challenge istituito nel 2017 dal Comitato provinciale di Bologna della Federazione ciclistica italiana.

Gli Esordienti di primo anno hanno affrontato 7 giri dell’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di  Imola, per un totale di 35 km (mentre per gli Esordienti secondo anno, i giri da percorrere erano 9, complessivamente 45 km). Gara con 135 iscritti e 115 partenti, 7 giri dell’Autodromo Enzo e Dino Ferrari da percorrere e tanti scatti e controscatti, che però non riescono ad evitare l’epilogo in volata. Al traguardo volante del terzo giro passano nell’ordine Giovanni Comba (Rostese Rodman) e Thomas Rizzo (Bessi Calenzano), mentre al Gran premio della montagna del 6° giro scollina per primo Filippo Erbacci (Forti e Liberi Forlì) su Gianmarco Vicini (Il Pirata Z’Niper World Bike).

Si arriva in volata e Milo Marcolli (Pol. Besanese), che a Imola veste la maglia della selezione regionale lombarda, regola tutti allo sprint; sul podio anche Andrea Scarso e Leonardo Longagnani (Cavriago), primo emiliano-romagnolo.

Tra gli Esordienti di secondo anno, 133 iscritti e 112 partenti. Nel corso del terzo giro si avvantaggia Umberto Salvatore Morea, del team laziale “Il Pirata Z’Niper World Bike”, che resta a lungo al comando in solitaria, pur non  superando mai i 40” di vantaggio. Nel corso della sua fuga, Morea si aggiudica sia il traguardo volante del terzo giro (alle sue spalle, secondo l’abruzzese Ugo Di Paolo della Mosciano Ciclistica), sia il Gran premio della montagna del sesto giro (davanti ad Alex Dall’Alpi della Cotignolese). Esattamente a due giri dal termine, quindi a 10 km dall’arrivo, Morea viene raggiunto e partono diversi contrattacchi. Quello vincente porta la firma dell’emiliano Giacomo Tagliavini (Cavriago), che va a vincere a braccia alzate con 23” sugli immediati inseguitori, Elia Ori (Sozzigalli) e Valentino  Romolini (Fortebraccio da Montone). A regolare il gruppo principale allo sprint è il campione italiano in carica Dario Igor Belletta (Busto Garolfo), ma la sua volata vale solo per il sesto posto.

Il 23° Gp Fabbi Imola si chiude, poi, con la gara pomeridiana riservata alla categoria Allievi, denominata “Memorial Ivo Mingotti”. Partenza sotto un grande temporale estivo, con forte pioggia, freddo inusuale a luglio e vento contrario nel rettilineo di partenza che mette subito a dura prova gli Allievi al via (196 iscritti, 167 partenti). Dovranno percorrere 15 giri del tracciato dell’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola. Il primo attacco, che dura qualche giro, porta la firma di Manlio Moro (UC Pordenone), che si muove in solitaria. Il friulano si rialza dopo aver conquistato il traguardo volante del 5° giro (2° Francesco Calì). Il gruppo rimane poi compatto, a parte qualche timido attacco, fino al 7° giro, quando parte la fuga di Ceci (Selezione regionale Lombardia), Spada (Team Spercenigo Sicilia) e Ciugureanu (Postumia 73 Dino Liviero), raggiunti poi dal romagnolo Servadei (Cotignolese) dopo il 9° giro. Al GPM del 10° giro passano nell’ordine Alessandro Ceci e Antonio Spada. Riccardo Servadei addirittura riesce a portarsi al comando in coppia con Ceci, mentre Spada e Ciugureanu riescono a rientrare in pianura dopo aver perso contatto in salita e aver inseguito in coppia. Il quartetto viene agganciato a circa 3 giri dalla conclusione anche dal corridore di casa, l’Allievo della Ciclistica Santerno Fabbi Imola Matteo Montefiori (sempre molto attivo in testa al gruppo), e dal campione provinciale bolognese Riccardo Sofia (Us Calcara). Il sestetto procede di buona lena e con cambi regolari fino all’inizio delll’ultimo giro, a 5 km dalla conclusione, mentre il gruppo insegue sempre “a strappi” e non riesce mai a finalizzare l’inseguimento. Nel corso dell’ultimo giro, nel drappello davanti Montefiori e Sofia si dimostrano decisamente superiori ai compagni di fuga, forse affaticati. L’imolese Montefiori ci prova a più riprese, sia nella salita della Tosa che alle Acque Minerali, con l’obiettivo di staccare il più veloce Sofia. In certi momenti sembra riuscirci, ma Sofia non molla e arrivano in coppia a giocarsi la vittoria sul rettilineo finale. Per il bolognese Riccardo Sofia è un successo meritato e da ricordare, vincendo allo sprint nel tempio della velocità; per Matteo Montefiori una beffa a un passo dal sogno di vincere in casa. Una beffa mitigata, però, dagli applausi del folto pubblico, imolese e non solo, sia all’arrivo che al momento delle premiazioni.

 

ORDINE D’ARRIVO ALLIEVI:

1. Riccardo Sofia (US Calcara) km 75,600 in 1h49’00" alla media di 41,615 km/h

2. Matteo Montefiori (Ciclistica Santerno Fabbi Imola)

3. Alessandro Ceci (UC Figinese ASD)

4. Antonio Spada (Team Spercenigo Sicilia – Spada)

5. Bryan Olivo (Bannia Ass. Sport. Dilett.)

6. Riccardo Servadei (S.C. Cotignolese)

7. Francesco Calì (AspiratoriOtelli-VTFM)

8. Samuel Quaranta  (Pedale Senaghese A.S.D.)

9. Riccardo Marcheselli (Lib Ceresetto Pratic Danieli)

10. Manlio Moro (UC Pordenone)

 

ORDINE D’ARRIVO ESORDIENTI 1° ANNO:

1. Milo Marcolli (Pol. Besanese) km 35,280 in 58'53" alla media di 35,949 km/h

2. Andrea Scarso (S.C. Leandro Faggin Mag Elettronica)

3. Leonardo Longagnani (S.C. Cavriago)

4. Michael Pizzolato (A.S.D. Postumia 73 Dino Liviero)

5. Simone Codenotti (G.S. Ronco Maurigi Delio Gallina)

6. Pietro Pieralli (Bessi Calenzano)

7. Riccardo Lori (Torrile)

8. Thomas Del Frate (Team Valdinievole)

9. Tommaso Brunori (Fortebraccio da Montone)

10. Lorenzo Ducci (Bessi Calenzano)

 

ORDINE D’ARRIVO ESORDIENTI 2° ANNO:

1. Giacomo Tagliavini (S.C. Cavriago) km 45,360 in 1h10’18" alla media di 38,714 km/h

2. Elia Ori (U.C. Sozzigalli) a 23”

3. Valentino Romolini (Fortebraccio da Montone) s.t.

4. Tomas Chianello (S.C. Mobili Lissone) a 25”

5. Tommaso Poli (GS Butese) a 35”

6. Dario Igor Belletta (Busto Garolfo) a 39”

7. Stefano Antonio Minuta (Rostese Rodman) s.t.

8. Damiano Condello (Fortebraccio da Montone)

9. Alessandro Zanetti (V.C. Carrara 1961)

10. Lorenzo Montanari (Ped. Azzurro Rinascita)

 

ORDINE D’ARRIVO DONNE ESORDIENTI:

1. Chiara Raviola (Pol. San Marinese)

2. Vittoria Bigliardi (S.C.  Cavriago)

3. Laura Bardella (Ped. Azzurro Rinascita)

 

ORDINE D’ARRIVO DONNE ALLIEVE:

1. Giulia Giuliani (ASD Naturabruzzo)

 

RISULTATI GIOVANISSIMI – 21/07/2018

Classifica società a punti:

Pedale Azzurro Rinascita

S.C. Faentina

Il Pirata Z’Niper World Bike

Amici della Bici Junior

San Miniato Ciclismo A.S.D.

S.C. Cotignolese

S.C.D. FDB Cologna Veneta

A.S.D. Postuma 73 Dino Liviero

S.C. Massese Minipan

S.D.C.G. Bonzagni

 

G1M

1. David Hryb (S.C. Faentina)

2. Riccardo D’Andrea (Amici della Bici Junior)

3. Lorenzo Rubbi (S.C. Massese Minipan)

 

G1F

1. Giorgia Valentina Timis (A.s.d. Postumia 73 Dino Liviero)

2. Anita Valbonesi (S.C. Faentina)

 

G2M

1. Cristian Turricchia (S.C. Faentina)

2. Nicholas Golinelli (Pol. Zannoni)

3. Aaron La Cioppa (S. La Cioppa – Functional Fit Kids)

 

G2F

1. Alexandra Silchenko (Tonino Lamborghini)

2. Martina Pignato (Ped. Azzurro Rinascita)

3. Majdulin Beggar (S.C. Aurora Fusignano “Patata”)

 

G3M

1. Lorenzo Bianchi (Il Pirata Z’Niper World Bike)

2. Edoardo Ceccato (FDB Cologna Veneta)

3. Michael Casadio (U.S.C. Castel Bolognese)

 

G3F

1. Asia Vanuzzo (Ped. Azzurro Rinascita)

2. Jolanda Sambi (Ped. Azzurro Rinascita)

3. Giulia Dollaku (Ped. Azzurro Rinascita)

 

G4M (1° batteria: numeri pari)

1. Gianfilippo Ghidini (S.C. Mincio-Chiese)

2. Thomas Dalla Bona (FDB Cologna Veneta)

3. Pietro Battistelli (ASD Velo Club Racing Assisi Bastia)

 

G4M (2° batteria: numeri dispari)

1. Lorenzo Maggiore (Amici della Bici Junior)

2. Matteo Ghirelli (S.C. Faentina)

3. Luca Casarin (A.S.D. Postumia 73 Dino Liviero)

 

G4F 

1. Emma Vanuzzo (Ped. Azzurro Rinascita)

2. Sara Riccio (U.S.  Calcara)

3. Aurora Frison (FDB Cologna Veneta)

 

G5M

1. Alberto Marchetti (Il Pirata Z’Niper  World Bike)

2. Lorenzo Chiodarelli (S.C. Faentina)

3. Giulio Pavi Degl’Innocenti (San Miniato Ciclismo)

 

G5F

1. Alena Andrenacci (Ciclitica Santerno Fabbi Imola)

2. Vittoria Cappellini (San Miniato Ciclismo)

3. Martina Conti (Ped. Azzurro Rinascita)

 

G6M (1° batteria: numeri pari)

1. Federico Fabbri (Cotignolese)

2. Michele Govoni (S.D.C.G. Bonzagni)

3. Adrian Pignato (Ped. Azzurro Rinascita)

 

G6M (2° batteria: numeri dispari)

1. Jacopo Ficaccio (Il Pirata Z’Niper World Bike)

2. Paul Cappellini (San Miniato Ciclismo)

3. Marco Merola (Pol. Milleluci Ciclismo)

 

G6F 

1. Alessandra Bruno (Ped. Azzurro Rinascita)

2. Giada Ciarcelluti (Amici della Bici Junior)