Clai Imola senza paura

Rovigo dà fastidio alle ragazze di coach Turrini, ma dopo 4 set sono le imolesi a festeggiare in mezzo al campo.
11.02.2019 05:56 di Carlo Dall'Aglio   Vedi letture
Fonte: Csi Clai Imola
Sofia Cavalli
Sofia Cavalli

Serie B2 – 2^ giornata di ritorno
CSI CLAI IMOLA – GS FRUVIT ROVIGO 3-1
(parziali: 25-21 / 25-18 / 14-25 / 25-18)
Imola: Piva, Devetag 5, Bombardi 6, Cavalli 3, Dal Monte (lib), Ferracci 15, Melandri ne, Collet 12, Gherardi 10, Zanotti 1, Caboni ne, Folli ne, Tesanovic  12. All: Turrini
Rovigo: Coltro 3, Ferrari, Ghiotti 6, Sghibuola ne, Toffanin 4, Battistella 5, Bau 9, Fyda, Ferroni 8, Bolognesi 7, D’Iseppi 3, Beriotto 2, Franzoso (lib), Tridello (lib), Marini ne. All: Perilli
Arbitri: Repellini e Piazzi

Il Gruppo Sportivo Fruvit Rovigo spaventa la Csi Clai Imola, non arrendendosi dopo il 2-0 delle locali. Al PalaRuscello le venete pescano il jolly del 2-1 che infastidisce le locali. Lo staff tecnico imolese mischia le carte nel 4° set e la Clai domina, ritrovando serenità e fluidità di manovra.
A fine gara Cavalli e compagne festeggiano il 15° successo consecutivo in stagione. Una stagione fin qui perfetta.
I risultati dagli altri campi regalano importanti novità per la Csi Clai Imola: nel match clou di giornata, Cremona supera 3-2 a domicilio Forlì e, grazie ai 3 punti conquistati contro Rovigo, Imola allunga sul +8 sulle lombarde e sul +10 sulle cugine della Libertas Bleuline.

La cronaca.
Coach Turrini manda in campo Cavalli in cabina di regia, Collet opposta, Ferracci e Bombardi al centro, Gherardi e Tesanovic alla banda e Dal Monte libero. La Clai parte bene nei primi scambi, ma le venete trovano la via per portarsi in vantaggio 7-8, poi 11-13. La novità dello starting player Bombardi regala il vantaggio 16-14 con un muro ed un buon attacco che provoca il timeout rodigino. La sospensione richiesta dalla coach Perilli non ottiene il cambio d’inerzia del match, per via dell’ottima difesa delle locali. Imola allunga sul 22-17 con un muro mostruoso di Giulia Collet. Perilli tenta la carta della seconda sospensione e Rovigo cerca lo scatto per la rimonta (23-20). Per evitare guai, stavolta è coach Turrini ad interrompere il gioco e, soprattutto, una piccola serie di errori gratuiti della sua squadra. L’errore in battuta delle ospiti al rientro in campo e l’attacco di Alice Tesanovic chiudono il set sul 25-21. Anche al cambio campo si nota un discreto equilibrio (3-2, 7-4), con la Clai che prova a schiacciare sull’acceleratore sul 10-6 che porta la firma d’autore di Elisa Ferracci con un gran colpo sotto rete. L’ace spettacolare della centrale marchigiana regala il 15-8 che lancia Imola verso il 2-0. Bombardi firma il 17-9, ma Rovigo mostra i muscoli ed i denti: con un sussulto d’orgoglio le ospiti riaprono il parziale sul 18-14 con un bel break di 1-5. Turrini scuote le sue ragazze che trovano lo spiraglio giusto per riprendersi un buon margine di vantaggio sul 22-16. Il timeout ospite è tardivo e la Clai chiude il set sul 25-18, conquistando il primo punto della serata. Le squadre cambiano ancora campo e questa volta Rovigo ha decisamente qualcosa in più da spendere a livello mentale e, sfruttando una fase piuttosto fallosa delle locali, scappa sul 2-6, obbligando subito Turrini al timeout. Ma la squadra commette ancora qualche, inusuale, errore regalando il 6-12 alle ospiti che non si fanno pregare. Entra Zanotti come opposta, ma Rovigo è in piena fiducia e non perdona nulla in questa fase: il vantaggio aumenta 8-15, poi 9-17 e conseguente secondo timeout di Turrini. Capitan Sofia Cavalli prova a scuotere la squadra con un ottimo muro che riavvicina Imola sul 12-17, ma questa volta il timeout di Rovigo è determinante per la fuga delle ospiti verso la conquista del parziale (14-25) e 2-1 nel computo dei set. Vista la strana conclusione del gioco precedente, Turrini decide di mischiare le carte in campo, spostando Tesanovic in zona 2 ed inserendo Sofia Devetag alla banda. Imola parte rabbiosa (4-1 e 6-3), ma Rovigo si arrocca dietro ad un ottimo servizio che gli permette di recuperare (8-6). La doppietta a muro di Tesanovic e Gherardi mettono punti importanti in cascina (10-6) e coach Perilli è costretta a chiamare timeout. Tesanovic concretizza altri due punti da opposta che valgono il 14-10. Rovigo alza ancora il ritmo per tentare di riavvicinarsi (16-14), ma sono due bolidi di Gherardi e Devetag (pipe dalla seconda linea) a dare la svolta al set e, dunque, al match (18-14). A questo punto la Csi Clai Imola torna in pieno controllo della partita e finisce in scioltezza sul 25-18.
E’ un 3-1 importante per le imolesi. Appuntamento a sabato prossimo a Reggio Emilia contro Gramsci Pool Volley.

 

5° giornata

Csi Clai Imola-GS Fruvit Rovigo 3-1
Libertas Forlì-Us Esperia Cremona 2-3
Campagnola-Liverani Lugo 2-3
My Mech Cervia-Volley Team Bologna 2-3
Us Arbor-Emanuel Riviera Rimini 3-2
Stella Rimini-Us Rubierese 2-3
Calerno S.Ilario-Gramsci Pool Volley 1-3

 

Classifica: CSI CLAI IMOLA 42, Us Esperia Cremona 34, Libertas Forlì 32, Emanuel Riviera Rimini 29, Liverani Lugo e Gramsci Pool Volley 26, Us Rubierese e Us Arbor 24, GS Fruvit 20, Stella Rimini 18, Volley Team Bologna 17, Campagnola 12, My Mech Cervia 11, Calerno S.Ilario 0.