Con i piedi a Mol...inella

La Intech Virtus Imola scivola in casa contro il Molinella dell'ex Giuliani. Serata storta, recuperata nell'ultimo quarto, ma gettata al vento nella volata finale
17.02.2020 11:00 di Carlo Dall'Aglio   Vedi letture
Ante Planinic
Ante Planinic

Serie C Gold – 6° giornata di ritorno
INTECH VIRTUS IMOLA-MOLINELLA 72-82
(Parziali: 16-21 / 30-46 / 52-57)
Intech: Colombo, Marcone, Dalpozzo 5, Agatensi 10, Errera 12, Planinic 5, Orlando 5, Savino ne, Piani Gentile ne, Biandolino, Barattini 11, Begic 24. All: Regazzi​​​​​​​
Molinella: Guazzaloca ne, Ranzolin 7, Brandani 11, Zuccheri, Frignani 8, Gianninoni 11, Bonanni 17, Manojlovic 2, Tedeschi 10, Lanzi 8, Caloia, Gu.Giuliani 8. All: Ga.Giuliani
​​​​​​​Arbitri: Gennari e Scandellari

Era una partita da vincere assolutamente per la Virtus Imola, quella contro Molinella. Per diversi motivi, primo fra tutti, per avvicinarsi alla soglia della salvezza. Quindi, per staccare un’avversaria nel calderone di metà classifica. In ultimo, per risalire al 5° posto insieme a Medicina e Ferrara.

Purtroppo per Dalpozzo e compagni, a festeggiare al Ruggi sono i giovani di coach Giuliani che comandano il match per trequarti di tempo. Poi con un finale a sorpresa, i biancoazzurri infilano un clamoroso 0-13 in poco più di un minuto e conquistano i 2 punti in classifica.

A livello di classifica, poco cambia, se non con la risalita proprio di Molinella ed Anzola verso il gruppo già molto folto e compresso che balla per entrare nei playoff: ad oggi son ben 8 formazioni a contendersi i 4 posti della griglia playoff.

Nota positiva le tante presenze sugli spalti, anche nella sezione ospiti, finalmente numerosa.

La cronaca

Inizio cauto da entrambe le parti, con pochi spunti nei primi minuti, a parte la tripla in apertura di Planinic ed il cesto di Errera (5-0). Lanzi ci mette una pezza sempre da lontano al 2’. A metà parziale Ranzolin firma in area il primo vantaggio ospite (7-8). In un minuto Begic e Giuliani si scambiano canestri, monopolizzando la scena (11-11 al 6’). In un giro di lancette, Tedeschi, Brandani e Bonanni gestiscono il primo break importante degli ospiti (11-18). Negli ultimi istanti del primo quarto, Brandani e Orlando segnano per il 16-21 con cui ci si accomoda per il primo intervallo breve.

La tripla di capitan Dalpozzo raddrizza la situazione dei suoi (19-21) dopo pochi istanti del 2° quarto. Dopo 2’ di gioco, però, è Gianninoni a trovare un paio di buone conclusioni che rimettono Molinella sul +7 (21-28). Dopo un paio di errori da ambo i lati, Bonanni scalda la mano con 5 filati (con tanto di tripla) e gli ospiti volano sul 21-33. Molinella non rallenta, anzi allunga con la tripla di Lanzi e il tiro dalla media distanza di Frignani per il 24-40 a 3’40” dall’intervallo lungo. Imola appare completamente “in bambola”, impossibilitata a reagire in qualche modo ai canestri degli ospiti. Il parziale si chiude con Barattini che segna da sotto e dalla lunetta, imitato solo da Begic nel finale: ma Molinella scappa sul +16 con l’ennesimo cesto di Bonanni. Alla pausa lunga ci si arriva sul 30-46.

Poco sembra cambiare nei primi istanti della ripresa, con i biancoazzurri che sembrano volare sulle ali dell’entusiasmo e Frignani che firma il +19 (35-54) al 3’ di gioco. Il pubblico imolese non smette di trascinare i giocatori che, un passo alla volta, anziché tirare i remi in barca, cominciano a stringere le maglie sul parquet. Molinella, quindi, smette di segnare per quasi 5’ consecutivi, mentre nell’altra area colorata, Errera, Dalpozzo (stepback), Barattini (liberi) ed Agatensi creano l’occasione per rientrare in gara: 45-54 a 3’10” dalla sirena. Ora l’inerzia comincia a sportarsi verso le canotte giallonere che approfittano dei buoni movimenti di Errera (perfetta conclusione dalla media distanza) e, soprattutto, Begic, autore di 7 punti filati negli ultimi 100 secondi di gioco del 3° quarto. Il parziale si chiude sul 52-57.

E’ battaglia pura nell’ultimo quarto che prende subito fuoco con la tripla centrale di Agatensi (55-57), quindi botta e risposta tra la stessa ala imolese e Brandani dall’arco: 58-60 dopo 1’30” di gioco. Gianninoni partecipa alla festa delle triple, fissando il punteggio sul 58-63. Begic penetra due volte di fila e riporta a -1 Imola (62-63 al 3’). Mentre ci si avvicina a metà frazione, Tedeschi da sotto canestro segna due volte consecutive riportando Molinella sul +5 con timeout immediato di coach Regazzi (62-67). Begic accorcia sul 64-69, quando mancano 4’18”. Quindi un paio di decisioni un po’ confuse della coppia arbitrale impediscono all’Intech di andare in vantaggio. Ma a 3’ dalla sirena arriva il Barattini show: dall’angolo destro, completamente libero, infila la tripla del vantaggio imolese sul 70-69 e, nel ribaltamento in difesa, ottiene un fallo di sfondamento di Giuliani (che esce per 5 falli, seguendo le orme di capitan Lanzi, fuori pochi istanti prima). Errera è perfetto nell’appoggiare a canestro il 72-69 a 1’50” dalla sirena. Manojlovic accorcia e Bonanni, sul giro di boa dell’ultimo minuto, segna il 72-73. Negli sgoccioli della partita, l’Intech scaraventa alle ortiche tre palloni consecutivi, offrendo il fianco ad un Molinella che colpisce la preda con rapide ripartenze e facili contropiedi. Negli ultimi due minuti di gioco, dopo il cesto di Errera, Imola non segna più, mentre gli ospiti realizzano un break addirittura di 0-13. Finisce tra la delusione giallonera e la festa biancoazzurra sul 72-82.