Il Romagna Femminile è realtà

Storica decisione della società che lancia il settore femminile, partendo con la partecipazione alla Serie A2
 di Carlo Dall'Aglio  articolo letto 102 volte
Fonte: Romagna Handball
Il raduno Romagna Femminile
Il raduno Romagna Femminile

Il Romagna Handball riscrive la propria storia, accettando la sfida di partecipare per la prima volta al Campionato di Serie A2 Femminile. Il buon lavoro svolto in palestra negli ultimi due anni con il settore giovanile femminile ha reso interessante questo obiettivo e durante l’estate lo staff dirigenziale ha abbandonato ogni esitazione, affidando l’incarico di allenatore a Pierangelo Chiarini, anima storica della pallamano di Faenza.

Mister Chiarini, parte con grande entusiasmo il nuovo progetto del Romagna Handball che prevede la storica partecipazione alla Serie A2 Femminile:

 “Tanto entusiasmo per un progetto che unisce le forze dell'attività svolta la passata stagione a Mordano con Fabrizio Tassinari e a Faenza con il sottoscritto. Ne è uscito un gruppo di età media sotto i 25 anni che comprende anche ragazze giovanissime (15-16 anni) con il quale affronteremo appunto il campionato di serie A2. Il girone “C” in cui siamo inseriti è davvero tosto e per questo ancor più stimolante: 8 squadre, molte delle quali di grande tradizione nella pallamano femminile ed esperienza anche in categorie superiori. Trasferte in Emilia-Romagna e Veneto, da metà ottobre (la 1° giornata, sabato 14 ottobre ore 16 a Mordano, ndr) fino ad aprile-maggio. Davvero un bel banco di prova per una “neonata” alle prime armi”.

Con quali obiettivi Pierangelo Chiarini, inizia la nuova stagione?

“Fare esperienza. Nel gruppo sono poche le atlete che hanno calcato in passato i campi di pallamano, perciò la sfida da vincere sarà proprio quella di imparare a tenere il campo. Le ragazze sono consapevoli dell'impegno che ci attende e ce la metteranno tutta, ne sono certo”.

La squadra è ancora un cantiere aperto, essendoci la possibilità di inserire nuove giocatrici:

“La squadra rimarrà un cantiere aperto per l'intera stagione. Alcune rinunce di giocatrici con esperienza, giunte prima dell'inizio della stagione, hanno assottigliato un po' la rosa che avevamo immaginato, perciò se ci fosse qualche giocatrice “a spasso” e desiderosa di rimettersi in gioco o ragazze che volessero praticare la pallamano agonistica, la porta sarà sempre aperta”.

E’ indubbio che la pallamano femminile sia in forte crescita a livello nazionale. Il Romagna segue questa corrente:

“La crescita della pallamano a livello nazionale deve passare inevitabilmente da un allargamento della base e quindi del numero delle società/squadre praticanti. In questo il Romagna Handball è sempre stato in prima linea e l'avvio di questo progetto per il settore femminile in collaborazione con Handball Faenza lo conferma: non solo squadra senior, ma anche un settore giovanile che vogliamo far crescere, partendo dalla categorie under 13/11/9 (nate nel 2005 e seguenti) che inizieranno l'attività a breve. Per aumentare la presenza sul territorio, in sinergia con Handball Faenza verranno organizzati corsi di avviamento per il settore femminile anche in territorio faentino”.

La decisione della società di inaugurare questo progetto è la dimostrazione inequivocabile dell'impegno e della fiducia del Romagna Handball verso queste ragazze e questo allenatore:

“Certamente. Le ragazze hanno dimostrato serietà e continuità nella passata stagione per cui hanno meritato questa chance. Per quanto mi riguarda, fino ad oggi ho sempre allenato solo squadre maschili e perciò devo ringraziare le società per avermi dato l'opportunità di fare questa nuova esperienza. Naturalmente metterò tutto l'impegno possibile per ripagare la fiducia da loro riposta nei miei confronti”.