La caduta delle dee

Dopo 18 successi consecutivi, arriva il primo stop per le ragazze di Turrini
10.03.2019 22:40 di Carlo Dall'Aglio   Vedi letture
Fonte: Csi Clai Imola
La squadra
La squadra

Serie B2 Girone E - 19° giornata
CSI CLAI IMOLA-EMANUEL RIVIERA RIMINI 0-3
(Parziali: 18-25 / 18-25 / 18-25)
Imola: Piva, Devetag 5, Bombardi 2, Cavalli 3, Dal Monte (lib), Ferracci 8, Folli 6, Melandri 3, Caboni ne, Zanotti, Collet 1, Gherardi 2, Tesanovic 5. All: Turrini
Rimini: Vujevic 13, Benvenuti ne, Nicoletti ne, D’Emilio ne, Zucchini 8, Orsi 8, Catalano 1, Macchi (lib), Leonardi 19, Godenzoni 12, Salvado ne, Piastra 1, Evangelisti ne, Aglio ne, Bissoni (lib). All: Nanni
Arbitri: Danieli e Iosca

Cade la capolista contro la quarta della classe con un secco 0-3 che fa clamore.
Mai così in sofferenza la squadra di Turrini in questa stagione. La Clai non riesce a mettere in campo la solita determinazione ed aggressività sotto rete: Rimini domina in tutti i fondamentali e merita il successo pieno ed i 3 punti in classifica.
Dopo 18 successi consecutivi in campionato e 2 vittorie in Coppa Italia, la Clai conosce il primo dolore griffato 2018-2019.
Resta il fatto che, ad inizio stagione, chiunque avrebbe firmato per trovarsi alla 19° giornata con 1 sola sconfitta e 18 vittorie, il primo posto solitario e il +9 sulla seconda in classifica. Fa male, ma la dote di punti di vantaggio lascia comunque un buon margine di serenità in casa biancoblu.
Leonardi è devastante e le ospiti nel loro insieme impressionano per mordente, difesa e cattiveria agonistica. Imola, per una volta, soccombe.
Sabato 16 marzo a Cervia arriverà la pronta occasione per reagire.

La cronaca

Coach Manuel Turrini schiera Cavalli in regia, Collet opposta, Devetag e Tesanovic alla banda, Dal Monte libero e la coppia di centrali Ferracci-Melandri.
Inizio più convinto delle ospiti che con le esterne aprono subito le danze: 4-6 e 8-11. Sul 9-11 Folli per Collet. Riviera scappa sul 9-13 obbligando Turrini al timeout. L’ace di Folli accorcia (11-13) ma le ragazza di Nanni scappano ancora sul 13-17. Imola non è ancora pienamente in partita e le attaccanti ospiti hanno il sopravvento da ogni posizione di schiacciata (15-22). Leonardi, Godenzoni e Orsi firmano questo parziale che si chiude senza la consueta reazione. Bombardi in fast rallenta Rimini che riesce comunque a fermare il tabellone sul 18-25.
Cambio campo con Imola che ritrova lo “starting 7” del primo set. Primo pallone e Devetag è costretta ad uscire dal campo dopo una forte contusione al setto nasale; al suo posto Gherardi. Dopo il buon attacco di Cavalli, Rimini trova punti sia in attacco che a muro per il 2-5, 3-6 e 4-7 facendo tremare un po’ i polsi dei tifosi locali. Con una bordata in lungolinea Giulia Collet sporca il suo tabellino personale della serata, seguita a ruota da Elisa Ferracci (8-8). L’ace di Gherardi riporta avanti Imola (10-9) e l’ace di Ferracci conferma il vantaggio sul 12-11. La tensione sale in campo e sugli spalti, anche grazie alla folta sponda riminese presente al Palaruscello. L’ace di Silvia Leonardi convince Turrini a richiedere il timeout (12-14). Sul +4 Rimini entra Francesca Folli per Collet in retroguardia, ma Riviera scappa sul 12-17. Goderzoni e compagne non mollano la presa e continuano ad allungare sul 14-20. Sull’ace di Zucchini (14-21) Turrini tenta la carta timeout per rivitalizzare le sue atlete. Al rientro manda in campo Bombardi in prima linea per Melandri. Ma Imola non c’è proprio e con altri errori lascia campo aperto alle avversarie (14-23). Piva per Cavalli. La Clai rosicchia qualche punto mandando un po’ in confusione le ospiti sul 17-23. Ma la magia in palleggio di Catalano gela gli animi imolesi, con immediata replica del muro locale(18-24). La botta di Godenzoni da zona 2 pone fine al set, frenando le velleità della Clai Imola (18-25)  Primo punto della serata per Riviera che conduce 0-2.
Turrini manda in campo Tesanovic-Gherardi-Devetag, con Bombardi per Melandri (e con la recuperata Devetag di nuovo in campo). Le esterne riminesi continuano a racimolare punti, mentre tra e imolesi è la Ferracci ad emergere con due punti (5-4). Ferracci suona a carica e Bombardi-Tesanovic a muro rimandano avanti Imola sul 10-9, con timeout Rimini. Al ritorno in campo Vujevic, Godenzoni e Leonardi ricambiano e firmano il 10-12. Sale la pressione sulle giocatrici in campo. Entra Folli per Tesanovic. Al termine dell’azione più lunga del match, Leonardi ha la meglio sul muro di Folli e Rimini scappa sull’11-18 con l’ace di Maggi. Imola, dopo il timeout di Turrini, reagisce (13-18). Ferracci e Devetag accorciano, a Leonardi, ma Rimini scappa ancora sul 15-22. Godenzoni regala il 16-23 a Riviera e l’impresa per Imola è sempre più impossibile. Soprattutto dopo la veloce di Orsi che offre il matchpoint alle ospiti. Cavalli firma il 17-24, Catalano palleggia fuori e Ferracci spara fuori la battuta che vale il 18-25 e lo 0-3 per il Riviera Rimini.
Prima sconfitta stagionale della Csi Clai Imola.

 

19° giornata

Csi Clai Imola – Riviera Rimini 0-3

Stella Rimini-Us Arbor 2-3

Campagnola-Forlì 0-3

Calerno-Us Esperia Cremona 0-3

Gramsci Pool-My Mech Cervia 3-0

Gs Fruvit Rovigo-Us Rubierese 3-1

Liverani Lugo-VTB Bologna 0-3

 

Classifica:

Csi Clai Imola 51, Us Esperia 42, Forlì 41, Riviera Rimini 40, Gramsci Pool e Liverani Lugo 31, Us Rubierese 30, Us Arbor 29, VTB Bologna 27, Gs Fruvit Rovigo 26, Stella Rimini 19, My Mech Cervia 17, Campagnola 15, Calerno 0.