L’Imolese scrive la storia

Lanini-gol, l’Imolese stende il Fano ed è seconda in classifica

27.01.2019 01:34 di Carlo Dall'Aglio   Vedi letture
Fonte: Imolese
Boccardi
Boccardi

Serie C, girone B - 23ª giornata

Imolese - Fano 1-0 (pt 1-0)

Imolese: Rossi; Sciacca, Checchi, Carini (c), Fiore (dal 75’ Boccardi); Bensaja (dal 65’ Hraiech), Carraro, Gargiulo (dal 87’ Valentini); Mosti (dal 75’ Belcastro); Giovinco (dal 65’ De Marchi), Lanini. All. Dionisi (a disp. Turrin, Sereni, Tissone, Valentini, Belcastro, Giannini, Zucchetti, Boccardi, Rinaldi, Hraiech, Rossetti, De Marchi).
Fano: Sarr; Sosa (c), Celli, Magli; Vitturini, Tascone (dal 72’ Acquadro), Lulli (dal 82’ Lazzari), Selasi (dal 58’ Ndiaye), Setola (dal 58’ Da Silva); Ferrante, Scardina. All. Epifani (a disp. Voltolini, Diallo, Konate, Mancini, Da Silva, Ndiaye, Cernaz, Morselli, Lazzari, Acquadro).
Arbitro: Maria Marotta (assistenti Mattia Segat e Paolo Cubiciotti).
Marcatori: 39’ Lanini​​​​​​​

Secondo posto in classifica. A meno 8 dalla capolista Pordenone, prossima avversaria in campionato sabato 2 febbraio. L’Imolese 2018/2019 sta riscrivendo la propria storia esattamente nella stagione del centenario.

In una sola settimana fioccano 3 vittorie in altrettante gare disputate: la squadra di mister Dionisi, tra l’altro, realizza 8 reti senza incassarne alcuno in tre match che potrebbero essere decisivi per la stagione rossoblu.

La vittoria casalinga contro Fano è frutto della rete di bomber Eric Lanini che, con uno splendido pallonetto, regala i 3 punti ai compagni.

LA CRONACA DEL MATCH

Mister Dionisi deve rinunciare all’infortunato Garattoni, mentre Belcastro e De Marchi, convalescenti dopo la febbre, partono in panchina. La coppia d’attacco è formata quindi da Giovinco e Lanini, supportati da Mosti, mentre a centrocampo gioca dall’inizio Bensaja con Carraro e Gargiulo. Fano col solito 3-5-2, va in panchina l’ex Fiorentina e Udinese Lazzari.

12’ - Prima chance Imolese: Carraro vede il taglio di Giovinco e lo serve con una palla millimetrica, ma la gran girata del numero 28 viene respinta in corner da Sarr. Miracolo dell’estremo difensore marchigiano, a negare il vantaggio ad un’Imolese che ha iniziato col piede giusto.

20’ - Ancora Giovinco su calcio di punizione: palla centrale, bloccata facilmente da Sarr.

30’ - L’Imolese fa gioco, il Fano si difende e prova a ripartire. I rossoblu ci provano col cross lungo di Fiore, impattato al volo da Bensaja: il piattone destro del numero 4 viene ribattuto da Setola.

36’ - Altra buona chance per l’Imolese: punizione dalla destra di Giovinco, che pennella un cross perfetto per Checchi, la cui incornata da pochi passi non centra lo specchio della porta.

39’ - GOL IMOLESE. Meritato vantaggio per i rossoblu, che passano dopo una combinazione perfetta. Sciacca serve in verticale Bensaja, che lascia la palla lì per Mosti, il cui lancio pesca il taglio di Lanini: il numero 17 anticipa Sarr in uscita con un pallonetto delizioso e fa 1-0. Ottavo gol in campionato per l’attaccante scuola Juventus.

51’ - Il palo nega il raddoppio all’Imolese. Altra grande azione rossoblu, con Lanini che entra in area e serve l’accorrente Mosti: il sinistro del trequartista viene deviato da Sarr e la palla termina sul legno.

53’ - Ancora una clamorosa chance per il 2-0: Lanini riparte a mille all’ora e, una volta arrivato ai 20 metri, serve il solissimo Gargiulo, che però sbaglia il primo controllo, favorendo l’uscita di Sarr.

60’ - Gran destro da fuori di Bensaja, ma Sarr risponde ancora presente e respinge.

63’ - Ancora un tiro da lontano per i rossoblu: stavolta ci prova Mosti, ma Sarr è attento.

89’ - Ritmo molto spezzettato nel finale, anche per via delle tante sostituzioni. Il Fano ci prova con Acquadro, che non centra lo specchio della porta.

L’Imolese vince ancora e sale al secondo posto, scrivendo un’altra pagina di storia in questa meravigliosa stagione.

 

Alessio Dionisi, allenatore

«Abbiamo fatto una cosa straordinaria. Ovviamente il campionato non finisce qua, però siamo molto orgogliosi di quello che stiamo facendo e della seconda posizione in classifica. Anche oggi, nonostante il campo in condizioni tutt’altro che perfette, abbiamo fatto un’ottima prestazione, cogliendo un risultato stra-positivo. Non ho più aggettivi per questi ragazzi: stanno crescendo tanto e non devono smettere di avere voglia di migliorarsi. A Pordenone non abbiamo nulla da perdere: loro stanno facendo un campionato strepitoso e meritano il primo posto. Per quanto ci riguarda, penso che con oggi possiamo archiviare definitivamente il discorso salvezza».

Lorenzo Checchi, difensore

«E’ un periodo super positivo. Siamo lassù in classifica grazie ad una serie di prestazioni ottime, con risultati arrivati attraverso il gioco. Abbiamo acquisito consapevolezza in noi stessi, ma il nostro obiettivo non deve cambiare. E’ da luglio che lavoriamo per festeggiare momenti come quello di oggi. Dobbiamo continuare a migliorarci e a sorprendere noi stessi. La società, confermando tanti giocatori dell’anno scorso, ha dimostrato di crederci: stava a noi dimostrare che la categoria superiore ci potesse competere. Abbiamo voluto ripagare la fiducia che la società ci ha concesso, anche grazie al gruppo fantastico che si è creato».

Eric Lanini, attaccante

«Il campo aveva patito la neve caduta in settimana ed era molto pesante, ma abbiamo cercato di non snaturarci. Siamo riusciti a fare una piccola impresa, centrando 3 vittorie in una settimana: quella di oggi è una bellissima soddisfazione, che tutto il gruppo si merita. Stiamo mettendo dei tasselli importanti per centrare il nostro obiettivo: sabato andiamo a Pordenone con grande autostima, ma dobbiamo mantenere quell’umiltà che ci ha portato fin qui. Ci tenevo a segnare e a dedicare il gol a mio padre, che è mancato da tempo e che ieri avrebbe compiuto 61 anni».