Maria Cristina Nisi tricolore

La Bike Innovation conquista un 1° ed un 5° posto nella specialità Marathon (XCM)
 di Carlo Dall'Aglio articolo letto 108 volte
Fonte: Bike Innovation

Si è svolta in Val di Sole la gara più attesa della stagione, ovvero la “Val di Sole Marathon” che assegna i titoli italiani della specialità Marathon (XCM).

La squadra imolese Bike Innovation del team manager Matteo Baldissarri si presenta al via della manifestazione con grandi speranze per la coppia formata dalla fuoriclasse Maria Cristina Nisi e da Nina Gulino.

Grande successo per la Nisi che conquista la prima posizione ed indossa la maglia tricolore di Campionessa Italiana 2017.

La Gulino, invece, chiude con un ottimo 5° posto.

La Nisi fin dalle prime battute dimostra alle avversarie la propria forza e la determinazione di conquistare il titolo, portandosi in vetta e mantenendola dall’inizio alla fine.

Tracciato stupendo dal punto di vista panoramico, ma molto arduo dal punto di vista tecnico: 70 km con quasi 3000 metri di dislivello: la campionessa tricolore chiude la propria gara in 4 ore nette alla media di 16.69km/h.

Unica avversaria degna di nota per la Nisi si rivela Annabella Stropparo che tenta in ogni modo di recuperare terreno all’imolese durante le varie discese del tracciato. Ma la forza dell’atleta della Bike Innovation si compie durante le salite più ostiche in cui dimostra la propria superiorità.

Oltre 3 i minuti di distacco all’arrivo: Nisi Campionessa, Stropparo al 2° posto, medaglia di bronzo per Elena Gaddoni giunta con oltre 7’ di ritardo dall’imolese.

L’altra imolese Gulino lotta alla pari con Gaia Ravaioli che solo nel finale ottiene lo spunto decisivo per il 4° posto.

 

Una vittoria molto importante per una squadra che deve ancora compiere l'anno di vita e che si trova a gestire una maglia tricolore. Una vittoria che deve essere condivisa con tutti gli sponsor ed i tecnici che continuano a credere nel progetto della Bike Innovation.

 

Le parole della nuova Campionessa Italiana Maria Cristina Nisi: “E' stata una gara veramente dura ed è stata una bella battaglia, su un percorso veramente eccezionale. Mi godo questa vittoria e mi tengo questa maglia fino al 2018! Dopo il decimo chilometro ho sorpassato la Stropparo, ma all'imbocco dell'ultima salita mi ha quasi ripreso: a quel punto ho riaperto il gas e ho dato tutto fino alla fine".
Molto soddisfatto il team manager Matteo Baldissarri: “Maria Cristina ha corso con gran precisione e non si è fatta condizionare dalle avversarie che hanno provato in ogni modo ad attaccarsi al treno. La maglia tricolore è sempre emozionante da indossare ma in gara porta nuove pressioni da affrontare. Credo in lei quindi sono sicuro che riuscirà a gestirla al meglio”.