Romagna qualificato al 2° turno

Nonostante la sconfitta casalinga con Teramo, il Romagna ottiene il pass per la seconda fase, grazie alla sconfitta di Modena (retrocesso in Serie A2) a Carpi.
 di Carlo Dall'Aglio  articolo letto 54 volte
Fonte: Romagna Handball
Romagna qualificato al 2° turno

Romagna-Teramo 24-28 (p.t. 13-16)

Romagna: Martelli, Sami, Folli 1, Minoccheri 3, F.Tassinari 2, Andalò 2, Dal Fiume, Golini, La Posta 1, Chika 3, Chiarini 10, Filipponi 2, A.Boukhris, Rotaru. All: Domenico Tassinari

Lions Teramo: P.Di Marcello, Collevecchio, Di Giulio 5, Leodori 3, Di Marcello A. 3, Toppi 2, Forlini 1, De Angelis, Savini 3, Bellia 1, Pieragostino 3, Valeri 1, De Oliveira 6, Vasile. All: Marcello Fonti

Arbitri: Nguyen - Panetta

DSCN5003.JPG

 

Sconfitta ininfluente per il Romagna contro Teramo: al 2’ della ripresa arriva l’ufficialità della sconfitta a Carpi del Modena e per i bianconeri (per l’occasione in blu) il risultato sul campo perde di importanza, in quanto la vittoria nello scontro diretto favorisce i ragazzi di Tassinari.

Pantarei retrocesso in Serie A2 è la prima sentenza ufficiale, dunque, della stagione 2017/2018, nel girone B.

Il Romagna, dal canto suo, supera il primo ostacolo della poule playout, entrando nella seconda fase che lo vedrà opposto, andata e ritorno, a una delle prime classificate nella poule playout del girone A o del girone C. Il sorteggio, dunque, stabilirà se a contendere il passaggio del turno sarà Gaeta, campo di gioco a Fondi (LT), o Cassano Magnago (Va).

In ogni caso, secondo obiettivo stagionale raggiunto brillantemente e contro tutti i pronostici degli addetti ai lavori, dopo la qualificazione alle Finali Nazionali Under 21.

Martelli e compagni vincendo la gara di Modena sfruttano al massimo gli unici due punti conquistati in questa poule, qualificandosi per via dello scontro diretto favorevole.

 

Partenza a favore di Folli & co. con il break 4-1, quindi Romagna ancora avanti per l’ultima volta nella partita sul 7-4 al 12’. Gli abruzzesi inquadrano la mira e ribaltano l’inerzia con la complicità di un De Oliveira mostruoso a livello di fisicità e di potenza al tiro. A 12’ dall’intervello, infatti, si registra il sorpasso ospite 7-8 poi pareggiato dalla seconda rete di Fabrizio Tassinari. Ancora 2’ e De  Oliveira firma con potenza il doppio vantaggio 8-10, ma Chiarini segna la sua quarta prodezza ed accorcia.

Mentre ci si avvia alla pausa per l’intervallo il tabellone indica il primo vantaggio significativo dei biancorossi sul 10-13 di Salvini a 6’. L’ultimo allungo casalingo di Ernesto Andalò produce il 12-13 che, però, non viene alimentato ed i Lions Teramo chiudono la frazione sul +3.

Le notizie giunte da Carpi sono, comunque, rassicuranti, con i padroni di casa avanti anche di 14 reti e al 2’ della ripresa arriva l’ufficialità del 38-27 del Terraquilia che condanna il Pantarei alla retrocessione, mantenendo in corsa i bianconeri.

Il match al PalaCavina si accende soprattutto per merito del brasiliano De Oliveira che ingrana la marcia. Il Romagna resta a secco di reti per ben 9’, finendo sotto 13-21. Ma arriva una reazione con la rete di Chiarini e la doppietta di Chika per il 16-21 dell’11’.

Il finale di gara è piuttosto piacevole con le due squadre che, comunque, giocano per la vittoria, con tanto di scontri duri e fisicità difensiva. Gli ultimi minuti scorrono con un sostanziale botta e risposta che porta il Romagna sul 24-27, prima del 24-28 finale.

Niente drammi, dunque, a fine gara, anzi. Il Romagna può festeggiare il passaggio del turno, qualificandosi per la seconda fase dei playout salvezza.

 

5^ giornata poule playout Girone B:

Romagna-Teramo 24-28

Carpi-Modena 38-27

Classifica finale: Teramo 18, Carpi e Tavarnelle 16, Romagna e Modena 4.

Modena retrocede in Serie A2

 

Dagli altri gironi arrivano le seguenti sentenze:

Classifica Girone A:

Cassano Magnago 18, Merano 17, Malo 10, Eppan 9, Mezzocorona 5, Molteno 1.

Mezzocorona e Molteno retrocedono in Serie A2

 

Classifica Girone C:

Gaeta 17, Noci 14, Valentino Ferrara BN 10, Benevento 7, Crazy Reusia 2.

Andrea Licitra Crazy Reusia retrocede in Serie A2