Sconfitta oltre la nebbia

La Virtus cade a domicilio della Salus
23.12.2018 23:16 di Carlo Dall'Aglio   Vedi letture
Fonte: Virtus Imola
Giuliani in azione
Giuliani in azione

Serie C Gold 12° giornata
SALUS BOLOGNA-VIRTUS IMOLA 68-61
(Parziali: 25-18 / 43-31 / 51-48)
Salus: Allodi 7, Vucinovic 2, Grassi ne, Falzetti 6, Amoni 18, Pini 17, Tugnoli 16, Branzaglia, Salsini, Veronesi 2. All: Ansaloni
Virtus: Dalpozzo 2, Dal Fiume, Turrini ne, Nucci 5, Percan 14, Murati ne, Casadei 10, Magagnoli 4, Aglio 11, Zhytaryuk 12, Zani ne, Giuliani 3. All: Tassinari
Arbitri: Bonaga e Saletti

La Virtus Imola chiude il 2018 con una brutta prestazione che indispettisce i tanti tifosi giunti in via Arcoveggio con la speranza di vedere una bella vittoria dei gialloneri.

Si impone 68-61 la Salus Bologna, senza strafare, grazie soprattutto al trio Amoni-Tugnoli-Pini, autori di ben 51 punti complessivi. I gialloneri regalano i primi due quarti agli avversari e nella rimonta finale scivolano su un paio di palloni persi in attacco. Ma la Salus, seppur non in versione extralusso (e con Stojkov in tribuna per infortunio), merita i due punti che le permettono di agganciare proprio i gialloneri in classifica.

Non basta, dunque, un tempo di discreto livello (anche se lontano parente della versione buona della squadra) alla Virtus per ottenere il secondo successo consecutivo in campionato. Arriva, invece, la 6° sconfitta stagionale che significa l’attuale 8° posto a pari merito. Situazione difficile e delicata per gli uomini di coach Tassinari che ora dovranno tenere alto il ritmo nelle due settimane di pausa natalizia, al fine di riproporsi al meglio nella sfida del 6 gennaio 2019 al PalaRuggi contro San Lazzaro (attualmente con 2 vittorie in cascina).

Questa la cronaca del match:

Solo 2 triple (su 14 tentativi) per la Virtus, mentre la Salus gira essenzialmente a tre cilindri: Amoni, Pini e Tugnoli segnano 51 punti, ovvero quasi l’80% delle realizzazioni e delle responsabilità offensive dei bolognesi.

La Virtus parte bene con Percan (che registra i primi 6 punti degli ospiti) e va avanti fino al 13-11 a quasi 4’ dal primo intervallo: la tripla di Tugnoli dà il primo vantaggio ai locali (13-14) e da quel momento la Salus conduce fino alla fine. A 1’25” Amoni impressiona con una tripla clamorosa con cui i biancorossi aumentano il vantaggio (15-21).

Dopo la pausa breve, Zhytaryuk e Aglio accorciano (22-25), ma è ancora Tugnoli a mettere la marcia giusta per la Salus (22-31 dopo 3’. Imola fatica enormemente a realizzare tiri anche ben costruiti ed in difesa è molle: i locali ne approfittano allungando fino al 31-43 con cui si corre negli spogliatoi.

La Virtus rientra in campo con rinnovata cattiveria agonistica e tenta l’immediata rimonta con Percan e la tripla di Casadei che fruttano il 39-43 dopo 2’. In questo frangente è Pini a silurare la difesa imolese, riportando avanti i suoi sul 39-48 al 4’. Giuliani realizza in penetrazione (con fallo) il 45-50, mentre “Slava” Zytharyuk lo imita infilando il canestro + fallo per il 48-51 con cui le due squadre si siedono per l’ultimo intervallo breve.

L’inizio dell’ultimo quarto vede un minishow personale di Francesco Amoni che prima in sospensione, quindi dalla distanza, mette subito (5 punti di fila) un altro buon margine tra le due formazioni (48-56), obbligando coach Tassinari al timeout urgente. Aglio e Magagnoli fanno il pieno dalla linea di carità, ma a  6’ dalla sirena la tripla di Allodi gela il folto e caloroso pubblico imolese (52-60). Al 7’ Magagnoli, Casadei (1/2 ai liberi) e Zhytaryuk su assist dello stesso Casadei rimettono Imola nelle condizioni di lottare per la vittoria (57-60). Pini e Percan realizzano in pochi istanti (59-62), ma la svolta arriva a 1’30” sulla percussione di Francesco “Ciccio” Amoni che si prende la responsabilità di sfidare i lunghi avversari al limite dei 24”: il suo tiro si infrange sul ferro ed Emanuele Pini pesca il jolly della serata con il tap-in volante che rotola sul ferro prima di trafiggere la retina (59-64). Nell’azione offensiva più importante del match per la Virtus, Percan perde palla al centro dell’area avversaria scontrandosi sull’ottima scelta difensiva bolognese. Nell’azione successiva Zhytaryuk infila il 61-64 a 50” dalla sirena, ma subito dopo la coppia arbitrale fischia un fallo molto dubbio a Casadei su Tugnoli. Dalla lunetta la Salus congela la vittoria.

Con la trasferta felsinea, la Virtus si congela dai tifosi (mai domi durante il match) per la sosta natalizia, per poi ritrovarli al PalaRuggi il 6 gennaio 2019, insolitamente alle ore 17,00, contro la BSL San Lazzaro.

12° giornata Andata

SALUS BOLOGNA-VIRTUS IMOLA 68-61

LG Competition-Pol.Arena Montecchio 81-71

Fiorenzuola-Anzola 88-73

Ferrara-Guelfo Basket 67-69

Bologna Basket-Gaetano Scirea 73-60

Classifica:

Rinascita Basket Rimini 20 (10 partite), Bologna Basket 18 (10), LG Competition (10), Guelfo Basket (10), Fiorenzuola (10) 12, Gaetano Scirea (10) e Vis Ferrara 10 (10), Virtus Imola (10) e Salus Bologna (11) 8, Anzola 6 (10), BSL San Lazzaro 4 (10), Pol.Arena 2 (11).