Splende la Virtus

Superato Castelnovo, ora per Dalpozzo e compagni mirino puntato su Gaetano Scirea domenica, ancora in casa.
12.02.2019 01:15 di Carlo Dall'Aglio   Vedi letture
Fonte: Virtus Imola
Daniele Casadei
Daniele Casadei

Serie C Gold
5° giornata di ritorno
VIRTUS IMOLA - LG COMPETITION 77-54
(parziali: 31-9 / 45-23 / 60-42)
Virtus: Dalpozzo 7, Dal Fiume ne, Nucci 19, Percan ne, Murati, Casadei 15, Magagnoli 7, Giuliani 3, Aglio 15, Zani ne, Zhytariuk 11. All: Tassinari
Castelnovo: Franko 13, Mabilli, Lentini, Magnani 7, Varotta 12, Longoni 2, Levinskis 6, Guarino, Mallon 12, Parma Benfenati ne, Prosek 2, Torlai. All: Diacci
Arbitri: Brini e Casi

Successo casalingo per la Virtus Imola contro LG Competition che viene raggiunto al 4° posto dai gialloneri di coach Davide Tassinari. Imola sempre avanti fin dal primo quarto dove domina con un break di 24-1 che spezza le reni agli ospiti. Coach Diacci non riesce a frenare Nucci e compagni che dilagano. Poi Castelnovo inizia a giocare meglio ed in equilibrio con i gialloneri ma non riesce a rimontare il 31-9 del primo quarto. La gara si trascina con qualche errore di troppo, ma resta piuttosto viva: nei primi minuti del 4° periodo, Castelnovo arriva sul -13 (60-47), creando qualche patema d’animo ai tifosi gialloneri.
La Virtus alza il livello di intensità, nonostante le rotazioni limitate, bloccando sul nascere le velleità di rimonta dei reggiani.
Imola festeggia in mezzo al campo ed ora dovrà superare pure Gaetano Scirea domenica 17 febbraio al PalaRuggi, prima della lunga pausa (un mese esatto). Nel mirino, il terzo posto attualmente occupato da Fiorenzuola.

La cronaca.
Starting five giallonero: Giuliani, Magagnoli, Aglio, Casadei e Zhytaryuk. Inizio giallonero nelle mani di Jacopo Aglio che firma il 5-2 (con una tripla), quindi la Virtus allunga sulla tripla di Magagnoli dopo 3’ (10-8). Per Castelnovo segna (e tenta il tiro) solo Franko (suoi 6 sui primi 8 punti degli ospiti). Casadei lotta sotto le plance e insieme ad Aglio confezionano il primo vero allungo sul 14-8 a metà frazione. L’ottima penetrazione di Guglielmo Giuliani regala il 7-8 ai locali a 3’ dal primo intervallo. Alessandro Nucci entra e realizza subito due triple in pochi secondi per il 23-8 che spacca il parziale. Ancora Nucci dalla linea della carità realizza 2su2 per il 27-9 a 1’ dalla fine. La penetrazione allo scadere dell’ala bolognese favorisce il 31-9 con cui si va al primo intervallo: Imola firma un break di 24-1.
Secondo quarto con coach Tassinari che manda in campo Dalpozzo, Magagnoli, Nucci, Aglio e Zhytaruyk. Dopo un minuto è il pivot ucraino a portare sul +22 la Virtus (33-11), ma i due attacchi si bloccano per quasi 4’ (con il tabellone fermo sul 33-13). Diversi errori da entrambi i lati di campo, mantengono comunque Imola fermamente in vantaggio ed in controllo. Con il timeout del 6’30” coach Diacci cerca di scuotere i suoi, ma è “Slava Zhytariuk a segnare a 5’25” da sotto le plance. Nucci segna il suo punto numero 12 a metà tempo (37-15) e a 4’ dalla fine la zampata di capitan Dalpozzo dalla distanza per il 42-20. Dalla sua mattonella preferita Zhytariuk appoggia comodamente a canestro (44-22 a 2’10”). Mentre il tempo va ad esaurirsi interrotto da parecchi falli, Imola gestisce il +23 (1su2 di Giuliani), provocato sia dal 55% al tiro sia dal 28% degli ospiti. I giocatori rientrano negli spogliaoti sul 45-23 per la Virtus Imola.
Nella ripresa coach Tassinari manda in campo Giuliani, Aglio, Casadei, Magagnoli e Zhytariuk. Imola subito a segno con la prodezza di Giuliani che libera sotto canestro Casadei (47-23 e nuovo massimo vantaggio imolese). Dopo 2’30” lo stesso Giuliani perde palla a metà campo e interviene fallosamente sul tentativo di Magnani (fallo antisportivo): gli ospiti ne approfittano parzialmente (47-25). Assist filtrante di Dalpozzo per Aglio che realizza agevolmente da sotto (49-25) dopo 3’ di gioco. Lo stesso lungo giallonero infila di slancio tutta la difesa piazzata degli ospiti, andando ad appoggiare il 51-27 al 4’. A metà frazione capitan Dalpozzo penetra in velocità (subendo anche fallo) e realizza il 55-31. La Virtus appare in totale controllo, anche se Castelnovo ha il merito di non crollare mentalmente, anzi: Magnani infila una tripla in transizione a 4’ dalla sirena (55-36). Nucci reagisce e segna dalla grande distanza centralmente a 2’45” il 58-36 (15° punto personale, topscorer fino a questo momento). Nel finale di quarto Imola segna solo con Nucci dalla linea della carità, mentre Castelnovo trova i cesti in percussione di Varotta e Levinskis per il definitivo 60-42 con cui si arriva all’ultimo intervallo breve.
Alla ripresa dei giochi Levinskis trova il 60-47 che regala nuova linfa vitale agli ospiti. In campo per la Virtus Giuliani, Magagnoli, Casadei, Nucci e Zhytariuk. Casadei segna in lunetta (62-47 dopo 2’) e Magagnoli va a schiacciare per il nuovo +17 (64-47). In difesa due perle imolesi: Magagnoli strappa la palla in un tuffo all’avversario diretto e, nell’azione successiva, Zhytariuk stoppa Longoni. Virtus avanti 66-47 a 6’30” dalla sirena finale. A metà frazione Franko realizza da 3 punti (68-52). A 4’20” Nucci commette due falli consecutivi in attacco ed è costretto ad uscire per il raggiugimento del 5° fallo. Chiude a quota 19 punti personali. Venti secondi dopo l’arbitro commina il fallo antisportivo a Zhytariuk per fallo in area su Mallon. Imola resta comunque avanti 69-54. Nel frattempo fuori per 5 falli Varotta per gli ospiti. Coach Tassinari concede gli ultimi 3’ a Cristian Murati. Quinto fallo anche per Guarino tra i rossoblu reggiani a 2’30”. Standing ovation anche per Casadei a 2’ dalla sirena. Chiude a 15 punti il suo incontro. A 1’30” Magagnoli firma il rassicurante 75-54. La super schiacciata di Jacopo Aglio sulle note del coro di tutto il palazzo “Imola Imola Imola” porta al tripudio il popolo giallonero (77-54) a 1’ dalla fine. Il punteggio non cambia e la Virtus festeggia in mezzo al campo insieme ai suoi tifosi, per una vittoria da considerarsi fondamentale in ottica della griglia playoff.