Una Virtus eroica

Dopo due ore e mezza di gara e due tempi supplementari, i gialloneri conquistano il pass per le semifinali playoff
28.04.2018 20:20 di Carlo Dall'Aglio  articolo letto 66 volte
Fonte: Virtus Imola
il pivot Zytharyuk
il pivot Zytharyuk

Quarti di finale Playoff Promozione

Gara-2

Pol.Arena – Virtus Imola 92-99 d.2.t.s.

(parziali 19-19, 31-39, 57-55, 71-71)

Montecchio: Grisendi 3, Guardasoni 2, Seclì 10, Borghi ne, Di Noia 26, Basso 15, Guidi 9, Corrias, Gruosso, Vanni 15, Negri 9, Giglioli 3. All: Cavalieri

Virtus: Dalpozzo 2, Dal Fiume 2, Boero 13, Nucci 26, Creti ne, Murati ne, Casadei 12, Ranocchi 21, Sassi ne, Sangiorgi 6, Zytharyuk 17. All: Tassinari

Arbitri: De Rico e Parisi

Una serata che resterà nella storia della Virtus Imola: a Montecchio è accaduto di tutto a partire dalla rottura (rischiosissima) della struttura del canestro utilizzato dalla Virtus durante il riscaldamento. Viene presa la decisione di giocare ugualmente, spostando la contesa in un altro palazzetto. Dopo mezzora viene indicato il palazzetto di Cavriago, sito a pochi chilometri da Montecchio. L’inizio gara è fissato per le ore 22,15.

La serata registra ben 2 ore e 30” di gioco con i gialloneri che esultano in mezzo al campo a mezzanotte e 45. Incredibile.

Nel mezzo, tanto agonismo, qualche colpo proibito di troppo, qualche fischiata arbitrale in meno rispetto a quanto richiesto dallo svolgimento del match. Alla fine i quasi 150 tifosi virtussini assistono a ben 2 tempi supplementari, interminabili.

Dopo 50 minuti di battaglia vera, la Virtus ottiene il 2-0 nello scontro diretto e si qualifica alla semifinale playoff contro Ozzano. Il 99-92 premia Casadei e compagni, con Dalpozzo e Dal Fiume fuori per falli ancora nel terzo quarto. Dall’altra parte ben 6 reggiani esplusi per raggiunto limite di falli.

 

Questa la cronaca.

La gara inizia bene per i locali (5-2 e 14-9 al 5’), prima del ritorno ospite che cuciono il distacco sul 14-14 al minuto 7 con una grande tripla di Alessandro Nucci. Ranocchi con un’altra tripla centrale chiude il primo quarto (19-19).

Nei primi 3’ del secondo parziale, la Virtus schiaccia il piede sull’acceleratore con il 26-19 a firma di Ranocchi e Zytharyuk. All’8’ la tripla di Nucci ricaccia indietro la rimonta locale (33-27), mentre sullo scadere di tempo Alessandro Ranocchi recupera palla e va a stampare una schiacciata clamorosa per il 39-31. Il canestro, fortunatamente, non si spacca e le squadre si rintanano negli spogliatoi per l’intervallo.

Al cambio campo, Ranocchi mette l’ennesima tripla di serata firmando il massimo vantaggio ospite (+13) sul 44-31. Nei 5’ successivi si spegne la luce in casa Imola, a causa di diversi errori offensivi e di un solo fallo fischiato in quasi 6’ ai giocatori di casa che sono bravi a sfruttare l’occasione d’oro (48-48 a 2’ dalla sirena). In questo frangente è Gianmarco Sangiorgi a togliere le castagne dal fuoco ai gialloneri con un paio di conclusioni centrate in piena rimonta biancoblu. La tripla di Boero è l’ultimo lampo del parziale (53-50 all’8’) prima dell’ultimo intervallo breve.

Nel quarto quarto la Virtus vive sempre sotto i primi 6’ fino al pareggio firmato Zytharyuk dalla lunetta. Il tempo si chiude sulla guerra di nervi dalla linea della carità con quattro 1 su 2 (Vanni due volte, Nucci e Boero) per il 69-69 ad un giro di lancette dalla fine. Basso strappa la palla in difesa e va a depositare nella retina il 69-71, mentre dalla parte è Boero a mostrare i muscoli per il 71-71 con cui si approda ai tempi supplementari.

Il primo overtime nasce e prosegue punto a punto con vari allunghi di Montecchio (74-78 del geniale Di Noia a circa metà tempo. Casadei e Nucci correggono lo strappo  (78-78 a 1’40”). A 35” dalla sirena Di Noia replica al 2/2 dalla lunetta di Nucci (82-82). La Virtus gestisce la palla ma Ranocchi sbaglia le tempistiche per il tiro, anticipandolo rispetto al margine del cronometro. Ne esce un tiro affrettato e, soprattutto, sbagliato che permette ai locali di sfruttare l’ultima occasione con Di Noia che tenta l’ultima disperata conclusione che finisce sul ferro.

Il secondo supplementare vede in campo due squadre stanche e decimate dai falli con Imola che sta giocando senza i due playmaker Dalpozzo e Dal Fiume, entrambi esclusi per 5 falli e Montecchio che finisce con ben 6 atleti fuori per somma di falli: Grisendi, Seclì, Gruosso, Basso, Vanni e Negri. Gli ultimi cinque minuti di gara vedono i giocatori in campo appellarsi a tutte le energie disponibili: la gara finirà dopo due ore e trenta minuti esatti, esattamente a mezzanotte e 45 minuti.

Il secondo overtime prosegue nel perfetto equilibrio (88-88 a 2’40” dalla sirena) con i cesti gialloneri di Casadei e Zytharyuk. Ranocchi e l’1/2 di Casadei dalla lunetta spediscono Imola sul 91-89 ad un giro di lancette dal termine. Dall’altro versante Guardasoni sbaglia dalla lunetta firmando un pesante 0/2, concedendo un possesso importante agli ospiti. La Virtus, diversamente dai finali di parziale precedenti, giostra con attenzione oltre metà campo ed indovina la scelta perfetta: Luigi Boero pesca la tripla vincente a 38” dalla fine che vale il 94-89. Nell’azione successiva lo stesso “Pistolero” realizza il 2/2 che sancisce la vittoria (96-89) a 30”. Inutile, infatti, la tripla di Giglioli ( 96-92). Allo scadere Nucci fa 1/2 dalla lunetta, fallendo i 100 punti di squadra.

Grande festa dei giocatori al suono della sirena insieme ai tifosi che meritano una citazione speciale: oltre un centinaio i sostenitori provenienti da Imola, con i ragazzi della Curva “Armata Giallonera” instancabili nel cantare, fino all’una di notte, i propri beniamini in campo, macinando chilometri e superando gli ostacoli.

 

Terminati i festeggiamenti per il passaggio del turno e l’approdo alle semifinali playoff, la Virtus dovrà preparare nel migliore dei modi il difficile ma entusiasmante doppio confronto con i New Flying Balls Ozzano (già comodamente qualificati 2-0 contro Pontevecchio).

Si è in attesa di conoscere la data e l’orario di gara-1 e dell’eventuale gara-3, mentre è già certa la data di gara-2 ad Imola, al PalaRuggi, che è fissata per giovedì 10 maggio alle ore 20,30.