Vanni Pedrini, il condottiero

Dopo una stagione incredibile, i rossoblu dovranno tentare l'ennesima impresa
 di Carlo Dall'Aglio  articolo letto 318 volte
Vanni Pedrini
Vanni Pedrini

La Ma Group Imola Calcio a 5 ha concluso la sua prima partecipazione al campionato di Serie A, conquistando la ribalta della cronaca per la clamorosa stagione: 5° posto al termine della regular season e qualificazione ai Playoff Scudetto con l’eliminazione per mano di Napoli dopo 3 pareggi.

A maggio, la fusione con il Castello Calcio a 5, quindi una prima parte di estate volta alla riorganizzazione societaria e, soprattutto, della squadra.

Dopo una lunga pausa, torna a riempire il taccuino di TuttoSportImolese il mister rivelazione della stagione 2016/2017: Vanni Pedrini ha condotto Imola in una cavalcata clamorosa in cui ha conquistato promozioni e playoff in varie categorie. E la prima mossa della nuova IC Futsal non poteva che essere la riconferma del talismano in panchina.

 

Vanni Pedrini, un’estate proiettata alla prossima stagione:

"Sì, una lunga estate dedicata alla costruzione della nuova squadra".

 

Nel frattempo, una svolta epocale a livello di Società, con la fusione tra Imola e Castel San Pietro Calcio a 5:

“Una decisione importante, ponderata e condivisa".

 

Cosa porterà, secondo te, a livello pratico questa fusione?

“Sicuramente maggior possibilità di praticare calcio a 5 ai giovani del circondario ed un miglioramento della struttura societaria".

 

Brunori, Broccoli, Pedinelli e lo staff dirigenziale rinnovato: un buon gruppo di lavoro:

"Un gruppo di lavoro competente e con tanta voglia di fare".

 

Dove eravamo rimasti? Ad un 5° posto clamoroso in Serie A e ad una serie di playoff da brividi:

"Dopo l'ultimo pareggio di Napoli, ho pensato come al solito alla partita seguente, senza trovarla. Così ho avuto modo di riflettere sulla stagione appena conclusa e prendere spunto per quella futura. C'è ancora tantissimo da sviluppare e migliorare in questa squadra. Questo per me è un grande stimolo”.

 

Nel 2016/2017, allenatore rivelazione, squadra rivelazione, società rivelazione: insomma, la scorsa stagione è da incorniciare:

"Il 2016/2017 è stato sicuramente un biennio da ricordare per tutti. Vedere  campioni di questa disciplina giocare alla Cavina è stato uno spettacolo ed un onore al tempo stesso”.

 

I tuoi personali “Oscar” della stagione a chi vanno?

“L'oscar è per tutte quelle persone che l'estate scorsa erano date per spacciate ancor prima di iniziare il campionato, ma che dentro e fuori dal campo hanno sovvertito ogni pronostico”.

 

L’estate è anche il periodo della programmazione: il mercato sale alla ribalta: tra conferme, addii ed acquisti l’IC Futsal non è stata certo a guardare fino a questo momento:

“E’ stata un'estate molto impegnativa. Per noi fare mercato è molto più difficile di ogni altra squadra di serie A1. Ci sono state diverse partenze, giocatori ai quali faccio davvero un grosso in bocca al lupo e che non smetterò mai di ringraziare per quello che hanno dato all'Imola calcio a 5”.

 

Molti anche i nuovi arrivi:

“I nuovi arrivi sono frutto di un'estate di lavoro di ricerca senza sosta, cercando giocatori con le caratteristiche più idonee al progetto IC futsal e funzionali al nostro stile di gioco”.

 

I tuoi personali obiettivi per la prossima stagione?

“Abbiamo un obiettivo molto difficile da raggiungere: la salvezza in un campionato di altissimo livello. Il nuovo regolamento ha fatto aumentare notevolmente il tasso tecnico delle squadre e credo che la serie A1 italiana sia attualmente tra i primi tre campionati al mondo in termini di qualità e intensità di gioco”.