Virtus Game Over

Il sogno della promozione in serie B si infrange in gara-2 della semifinale contro Ozzano
11.05.2018 10:42 di Carlo Dall'Aglio  articolo letto 73 volte
Fonte: Virtus Imola
Tassinari ed il suo staff
Tassinari ed il suo staff

Gara-2 Semifinale Playoff promozione

Virtus Imola – Ozzano 59-78

(parziali: 19-19, 35-42, 45-56)

Virtus: Dalpozzo 3, Dal Fiume 4, Boero 9, Nucci 13, Creti ne, Murati ne, Casadei 4, Ranocchi, Sassi ne, Sangiorgi 2, Zytharyuk 24. All: Tassinri

Ozzano: Folli 10, Masrè 1, Chiusolo 13, Corcelli 13,Dordei 13, Agusto 11, Morara 9, Lalanne 2, Magagnoli 3, Zambon, Martini, Agriesti 3. All: Grandi

Arbitri: Brini e Piedimonte

 

Il sogno della Virtus Imola si infrange sulle triple di Corcelli e compagni che esultano al termine di 40 minuti combattuti e sempre in bilico fino agli ultimi minuti. I felsinei, infatti, trovano il +19 a metà dell’ultimo quarto, con i locali costretti alla bandiera bianca.

Momento topico del match, l’infortunio di Daniele Casadei: il top player dell’intero campionato crolla a terra per l’acutizzarsi di un problema al ginocchio ed è costretto ad abbandonare la contesa quando sul cronometro mancano ancora oltre 2’ alla fine del 3° quarto.

La squadra reagisce e tenta in ogni modo di recuperare il divario con buone iniziative di Nucci e Zytharyuk, ma Ozzano è abile ad allargarlo grazie ai colpi balistici di Nunzio Corcelli.

Ozzano ottiene il massimo risultato grazie, soprattutto, alla regolarità di Gigi Dordei sotto le plance nei due confronti e le fiammate agonistiche di Chiusolo nel primo tempo e di Nunzio Corcelli nella ripresa (dopo un primo tempo sottotono).

Finisce comunque con gli applausi per una squadra che esce dei playoff con un record stagionale di 25 vinte e 5 perse.

 

Questa la cronaca del match:

Zytharyuk realizza il primo vantaggio imolese (7-6 al 4’), quindi Nucci inventa una penetrazione perfetta per il 9-9 a 5’, con Casadei già rientrato in panchina per il secondo fallo commesso. Ozzano cerca subito la fuga (9-13 con Dordei), ma dall’altra parte Dal Fiume, Zytharyuk e Nucci riportano avanti i gialloneri con tre triple consecutive per il 18-13 dopo 7’ di gioco. Dall’altra parte del campo, Magagnoli infila la tripla del pareggio 19-19 a 30” dalla prima sirena.

Quattro punti di fila di Morara lanciano Ozzano sul +4 (19-23) nel primo giro di lancette del secondo quarto, poi 3’ di errori da una parte e dell’altra, prima della tripla del “Pistolero” Luigi Boero (22-23). Ozzano riprova a scappare sul 22-27 al 3’, poi sul contropiede di Folli gli ospiti volano sul 24-31 a metà frazione. Quindi Chiusolo con una tripla centrale mette 10 punti tra Imola ed Ozzano, che resiste sulla doppia tripla di Casadei e dello stesso Chiusolo, prima del time out Virtus sul 27-37 al 6’30”. Un’invenzione balistica di Alessandro Nucci (con fallo subito) riporta Imola sul -5 (32-37) e l’atmosfera al PalaRuggi è incandescente. Zytharyuk al 9’ firma il 35-39 da sotto e Imola respira, ma Chiusolo segna ancora dall’arco per il 35-42 con cui si va all’intervallo.

La ripresa inizia con Ozzano subito sul +9 (35-46) e praticamente null’altro nei primi 4’ di gioco, a parte un fallo tecnico per proteste comminato a Nucci, in quel momento seduto in panchina. Casadei è costretto ad uscire a 6’ dalla sirena per un colpo incassato al ginocchio e la squadra non si sblocca al tiro, fino alla penetrazione di Dalpozzo dopo 5’30” ed alla successiva tripla di Boero che vale il 40-47 a 3’45” dall’ultimo intervallo breve. Casadei, appena rientrato in campo, crolla a terra di nuovo dolorante: si chiude qui la stagione dell’ala forte imolese. Ozzano ancora avanti 41-48, prima del cesto dai due metri di Gian Marco Sangiorgi allo scadere dei 24” (43-48 a 2’15”). Corcelli mette il 43-50 e Zytharyyuk replica dall’altra parte, ma l’ex capitano imolese (in evidente trance agonistica) infila due triple di fila per il 45-56, con cui ci si siede per l’ultimo intervallo breve.

L’ultimo quarto vede Dordei pronti via a canestro per il massimo vantaggio sul 45-58, mentre dall’altra parte è Zytharyuk a reagire sotto canestro per il 47-58 al 2’. Il quarto fallo di Chiusolo (per gomitata in attacco a Dalpozzo) potrebbe complicare il passo degli ospiti, ma Corcelli centra subito la tripla del 47-61, mentre la schiacciata di Morara segna il +16 per i felsinei a 5’40” ancora da giocare. La grinta di coach Tassinari nel time out scuote i gialloneri con Nucci subito a segno dall’arco e Zythariuk a ruota per il 52-63 a metà frazione. Ancora Nucci infila il 54-65 con una bella iniziativa nell’area pitturata. Nell’azione successiva Zytharyuk realizza due liberi per il 56-65 a 3’ dalla sirena finale, regalando una piccola speranza ai suoi compagni. Il cesto di Corcelli, però, porta Ozzano avanti 56-69 e per la Virtus, all’8’, cala il sipario. Il quarto e quinto fallo di Dordei non spostano gli equilibri (tra l’altro, 5 falli pure per Dal Fiume), mentre la tripla strepitosa di Agriesti è la pietra tombale della partita con il 59-78 che chiude partita, serie e campionato per la Virtus Imola.