Virtus stellare

Scintillante vittoria della Virtus Imola contro Anzola
15.10.2018 00:15 di Carlo Dall'Aglio  articolo letto 120 volte
Fonte: Virtus Imola
Lorenzo Dalpozzo
Lorenzo Dalpozzo

Serie C Gold – 2° giornata andata
VIRTUS IMOLA – ANZOLA BASKET 105-67
(parziali: 21-23 / 51-39 / 77-54)
Virtus: Dalpozzo 15, Dal Fiume 3, Turrini, Nucci 16, Murati 6, Percan 12, Casadei ne, Zani ne, Aglio 10, Giuliani 11, Magagnoli 14, Zhytaryuk 18. All: Tassinari
Anzola: Mandini, Bortolani 6, F.Parmeggiani 4, Baccilieri 6, S.Parmeggiani 10, Giugni, Cerulli 4, Villani 5, Venturi, De Ruvo 12, Caroldi 20, Betti ne. All: Spaggiari
Arbitri: Gennari e Fusetti

E’ una Virtus scintillante quella che travolge la neopromossa Anzola (al debutto, dopo la giornata iniziale di riposo). Un +38 che riconcilia la squadra, davanti ad un bel pubblico, contro una formazione che dovrà certamente ritrovare gli equilibri, riflettendo a lungo sulla gara del Ruggi.

Capitan Lorenzo Dalpozzo trascina la Virtus Imola in una gara stellare contro la neopromossa Anzola Basket. Con 13 punti (2 triple) consecutivi nel secondo quarto, il play-guardia spezza le reni dei felsinei che si erano illusi con il +4 di inizio parziale: porta la sua firma il 49-34 con cui ci si avvicina all’intervallo lungo.

Oltre alle prodezze di Dalpozzo, coach Davide Tassinari pesca tante cose buone da tutti gli effettivi a disposizione: ben 7 gli atleti in doppia cifra, con un Zhytaryuk devastante e senza rivali sotto le plance.

Il coach indovina perfettamente anche il cambio di difesa, con la zona che manda in tilt l’attacco degli avversari. Poco altro nel match che segna il ritorno alla triplice cifra per la Virtus Imola. E’ la tripla di Cristian Murati ad abbattere quel muro, per l’ovazione dei tanti tifosi sugli spalti.

 

La cronaca si racchiude essenzialmente nel primo quarto, l’unico veramente combattuto ed equilibrato, con la Virtus che cede a Villani e Caroldi capaci di portare avanti Anzola sul 19-23 a un minuto dalla prima sirena. Nel parziale successivo, 5 punti consecutivi di Nucci e 2 di Magagnoli riportano avanti Imola (30-29 al 3’), prima che il capitano entri sul palcoscenico per la scena madre del match: dal 33-29 al 49-34 (a 2’ dall’intervallo) realizza ben 13 punti, chiudendo (col senno di poi) la partita. Anzola, infatti, non si riprende più.

Al rientro in campo, infatti, la Virtus prosegue sulla strada tracciata dal suo capitano e tutti i giocatori diventano protagonisti, realizzando diversi canestri in piena tranquillità. Il match è pressoché vinto e gli ultimi due quarti servono solamente ad arrotondare i bottini personali dei singoli. Al 3’ Magagnoli sigla il +21 (62-41) e da quel momento il divario si allarga fino al +27 realizzato da Aglio (71-44 al 6’) con un tiro in sospensione. Alzando gli occhi verso il tabellone è intuibile che l’ultimo quarto servirà soprattutto al nuovo coach Spaggiari per vedere all’opera tutti i suoi uomini a disposizione, dopo il suo arrivo un paio di giorni fa sulla panchina di Anzola. Punteggio compromesso per i bolognesi che poi non riescono ad impedire alla Virtus di superare la sempre affascinante quota 100. Gli ultimi 10’ di pura accademia per i gialloneri che non infieriscono negli ultimi 4’, avendo raggiunto la triplice cifra.

Molto della vittoria dei locali sta nelle statistiche, con il  59% dalla distanza (contro il 20% ospite) e con il 72% da 2 punti (contro il 51% degli avversari).

 

Archiviata questa vittoria spettacolare, per la Virtus inizierà la settimana pre-Rimini, che vedrà il culminedomenica 21 ottobre alle ore 18, al PalaFlaminio, nello scontro titanico con la Rinascita Basket Rimini.