“Da quando Senna non corre più”

Un ricordo del pilota brasiliano Ayrton Senna, tragicamente morto in pista a Imola il 1 maggio 1994. A giugno il “Senna Day” porterà piloti e personaggi del motorsport alle Cantine Zuffa
30.04.2021 23:09 di Carlo Dall'Aglio   vedi letture
“Da quando Senna non corre più”
© foto di Carlo Ametrano

Il Gran Premio appena disputatosi in riva al Santerno ha fatto riemergere il ricordo, ancora pungente e vivo, di uno dei più grandi, certamente tra i più amati dalla folla, automobilisti della storia della Formula 1
Il nome di Ayrton Senna riecheggia ancora nel paddock dell’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola: da tutto il mondo continuano ad arrivare messaggi, ricordi ed emozioni legate al pilota brasiliano, tragicamente scomparso proprio sul circuito romagnolo il 1 maggio 1994.
Un pilota epico, strappato troppo presto al mondo delle corse, che fu capace di conquistare 3 titoli Mondiali (1988, 1990 e 1991) ed ottenere 41 vittorie, 80 podi e 65 pole position, su 161 partenze in Formula 1.

Carlo Ametrano, giornalista e scrittore, nel libro “Ayrton sempre nel cuore” (edito da “Petagna” di Sorrento) ha raccolto un’infinità di aneddoti e di storie che videro al centro proprio Senna “fin da piccolo, al GP di Monaco 1984, scoccò la scintilla nei confronti di Ayrton: con una Toleman decisamente inferiore rispetto ai primi della classifica, Senna si stava per imporre nella tempesta di quel pomeriggio, ma la direzione gli privò la soddisfazione, interrompendo la gara in anticipo per il meteo (vittoria di Prost). Quando lo incontrai proprio a Imola, mi tremavano le gambe, lui mi sorrise e mi accarezzò. Era un grande uomo, oltre che un grande pilota”.
Il libro è stato stampato in varie zone a livello mondiale, giungendo anche al nipote Bruno Senna (anche lui pilota, ndr) ed alla famiglia Senna: “E’ stato un onore per me, perchè l’ho scritto con il cuore e le persone l’hanno apprezzato proprio per questo. Ogni volta che penso a Senna mi piange il cuore. La F1 di 30 anni fa era certamente migliore rispetto a quella degli ultimi anni. Lì vinceva il pilota ed era più umana, con tanti piloti di carisma”.
Ametrano è l’anima e l’organizzatore dell’ormai tradizionale “Senna Day” che ogni anno riporta ad Imola l’affetto e il ricordo per il pilota brasiliano: “a causa del covid, quest’anno, siamo costretti a posticipare l’appuntamento (che di solito si svolgeva in occasione dell’anniversario del 1 maggio, ndr), al 20 giugno, mantenendo come riferimento l’Agriturismo Zuffa, uno dei migliori del settore, in zona imolese. Ne approfitto per ringraziare personalmente il direttore Augusto Zuffa”.
Fin dalle prime edizioni il Senna Day ha ospitato un ricco parterre di personaggi importanti del mondo del  motorsport non solo italiano. Giornalisti, piloti e management si riuniscono per brindare al ricordo di uno “dei più grandi”. Gli ospiti di Ametrano, oltre al cibo locale, potranno gustarsi ricordi e racconti incentrati sulla figura di Senna, ripercorrendone la vita sportiva e non solo.

L’appuntamento è per domenica 20 giugno, a pranzo, presso le Cantine Zuffa di via Sellustra, 9 ad Imola. Sarà possibile prenotare la propria partecipazione, contattando direttamente Carlo Ametrano al 333.6810902.