Faenza Mondiale in F1

Successo clamoroso per la scuderia manfreda Alpha Tauri con il francese Gasly che viene incoronato a Monza.
07.09.2020 09:35 di Carlo Dall'Aglio   Vedi letture
Pierre Gasly
Pierre Gasly

Impresa storica della scuderia di Faenza Alpha Tauri che conquista una vittoria stratosferica nel Gran Premio di Monza 2020. Tornano a squillare le note dell’Inno di Mameli al termine di un GP di Formula 1 e gli appassionati esultano per il gioiellino francese (ma milanese d’adozione) Pierre Gasly, autore di una prestazione incredibile.
Podio quantomeno originale e fuori dalle logiche del campionato stagionale, con il futuro ferrarista Carlos Sainz Jr su McLaren e Lance Stroll su Racing Point sui gradini in secondo piano. Conclude l’imprevedibile poker l’altra McLaren di Lando Norris.

Da applausi la gestione della strategia di gara dello staff dell’Alpha Tauri e di Gasly che ha saputo replicare con decisione agli attacchi di Sainz nel finale, dando spettacolo e vita ad un Mondiale, altrimenti in declino per la superiorità mostrata da Hamilton e dalla Mercedes.
A proposito delle Frecce d’Argento, Valtteri Bottas termina al 5° posto a quasi 10 secondi da Gasly. Settimo Lewis Hamilton, leader del Mondiale, che chiude al 7° posto dopo aver subìto una penalizzazione ed aver rimontato dall’ultima posizione (per essere entrato ai box dopo lo stop alla Haas di Magnussen, nonostante la pit-lane fosse chiusa).
Gara da incubo, invece, per le due Ferrari, con Charles Leclerc che si mette in evidenza praticamente solo per il tremendo incidente alla Parabolica e il tedesco Sebastian Vettel fuori dai giochi per un guasto ai freni. Fuori causa anche Max Verstappen.

Faenza, la Romagna e l’Italia esultano, dunque, per l’incredibile successo dell’Alpha Tauri (scuderia che ha le radici nella Toro Rosso) e del gioiello Gasly, al primo successo in Formula 1 in carriera ed al secondo podio assoluto, dopo il 2° posto in Brasile 2019. Nello stesso Autodromo, nel 2008, Sebastian Vettel alla guida proprio della Toro Rosso conquistò il primo (e unico) successo con la scuderia faentina. Senza parlare dei motori griffati Honda che non suggellavano un triondo addirittura dal 1992 con l’immortale Ayrton Senna su McLaren. Tra l’altro, era dal GP di Monaco del 1996 che un francese (Panis) non festeggiava una vittoria nel Mondiale.
Il circus della Formula 1 resta in Italia con l’appuntamento inedito (con tanto di polemiche sui biglietti) del Mugello, il 13 settembre.

Classifica GP Italia:
1 P. Gasly AlphaTauri
2 C. Sainz McLaren
3 L. Stroll Racing Point
4 L. Norris McLaren
5 V. Bottas Mercedes
6 D. Ricciardo Renault
7 L. Hamilton Mercedes
8 E. Ocon Renault
9 D. Kvyat AlphaTauri
10 S. Perez Racing Point
11 K. Raikkonen Alfa Romeo
12 N. Latifi Williams
13 R. Grosjean Haas
14 G. Russell Williams
15 A. Albon Red Bull
16 A. Giovinazzi Alfa Romeo

Ritirati:
M. Verstappen Red Bull
C. Leclerc Ferrari
K. Magnussen Haas
S. Vettel Ferrari