Fuochi d'artificio al debutto

Squillante 3-0 in apertura di campionato per la Clai Imola di coach Manuel Turrini in casa contro Jesi
24.01.2021 19:22 di Carlo Dall'Aglio   Vedi letture
Fuochi d'artificio al debutto

Serie B1
Clai Imola-Pieralisi Jesi 3-0
(parziali: 25-22 / 25-16 / 26-24)
Clai Imola: Cavalli, Gherardi 12, Lodi 1, Folli 12, Melandri 5, Bughignoli 13, Rizzo 7, Dal Monte (lib), Carnevali, Pedrazzi ne, Costantini ne. All: Turrini
Pieralisi Jesi: Cecconi (lib), Moretti (lib), Gasparroni 1, Foresi 4, Magi, Paolucci 7, Miletti ne, Angelini 1, Canuti 11, Spitoni 2, Pomili 2, Giombini 11, Carletti ne, Marcelloni 1. All: Sabbatini

Vince e convince la prima Clai Imola della stagione 2020/2021. Contro Pieralisi Jesi, le ragazze di coach Manuel Turrini sfoderano tutto il proprio repertorio fatto di sostanza a muro ed in attacco e compattezza nel reparto arretrato, mostrando anche carattere nell’unico momento di difficoltà vera e propria: nel finale del terzo parziale, sul 18-21 per le ospiti, tre attacchi tutta potenza e tecnica di Folli (2) e Gherardi tolgono le castagne dal fuoco.

Vittoria meritata per Cavalli (eccezionale alla prima stagionale) e compagne che mettono in ghiacciaia i primi 3 punti vitali per la sopravvivenza nel minigirone D1.

Buona la gestione generale della partita con Cavalli in grado di mette in moto in maniera equilibrata tutte le bocche da fuoco a disposizione. E il tabellino delle compagne ringrazia. Le esterne sono dominanti con Gherardi-Folli-Bughignoli (esordio per lei in B1) che firmano 37 punti complessivi. Bene al centro Melandri e Rizzo, ottima Dal Monte nel ruolo determinante di libero. Bene anche le subentranti che mantengono alto il livello tecnico della squadra (Carnevali e Lodi).

Domenica 31 gennaio, alle 17,30, super derby romagnolo nella tana del Cesena, uscito sconfitto (0-3) dalla trasferta di Castelbellino.

La cronaca.
Primo starting 7 scelto da coach Manuel Turrini è composto da capitan Cavalli, Gherardi opposta, Folli e Bughignoli alla banda, Dal Monte libero e dalle centrali Rizzo e Melandri. E’ di Ilaria Bughignoli il primo punto stagionale della Clai Imola. Le locali prendono subito le redini del match (3-2, quindi 8-4) con la coppia Folli e Bughignoli sulle righe, accompagnate dalla pesante presenza di Rizzo sottorete con 3 punti personali di fila (un attacco e due muri clamorosi) che valgono il +7 (11-4). Pieralisi in totale confusione nella parte centrale del set (14-6), nonostante il timeout chiamato dal coach marchigiano. Le imolesi non alzano il piede dall’acceleratore e mantengono il +8 (16-8), grazie all’ennesimo buon turno al servizio di Folli. Sul 17-10 per la Clai, Jesi tenta la carta del doppio cambio spedendo in campo Foresi e Magi, ma l’attacco di potenza in diagonale di Gherardi non fa sconti alle nuove entrate. Cambio per Turrini che inserisce Carnevali in battuta, al posto di Gherardi. In un paio di scambi, le ospiti alzano la testa recuperando qualche lunghezza di svantaggio (19-14). L’errore al servizio di Magi, ridà ossigeno a Imola (21-16), con immediato timeout Jesi. Che fa bene alle ospiti: in pochi scambi, infatti, il punteggio torna in equilibrio sul 21-19 che obbliga coach Turrini a fermare il match per un timeout. Ospiti pienamente in partita in questo frangente, dopo lo spauracchio (per loro) del -8. Da zona 2 Lodi chiude sulla riga il lungolinea che vale il 22-20. Turrini chiude il doppio cambio aperto con Cavalli-Lodi e Gherardi-Carnevali. Bughignoli infila dalla banda il +3 nel momento più caldo del parziale. Segna Jesi e segna Gherardi. Setpoint per Bughignoli che spara  in rete (24-22). Ci pensa ancora Vittoria Gherardi da opposta a piazzare il colpo dell’1-0 nel computo dei set. Buone percentuali per le imolesi nel primo parziale del campionato, mentre dall’altra parte è soprattutto Giombini a segnare (7 punti).

Al rientro in campo, Imola schiera il medesimo (collaudato) starting 7 di inizio gara. Gherardi indovina l’incrocio delle righe dalla banda (1-1). Con la rimonta (non chiusa) del set precedente, le marchigiane hanno dimostrato di essere in grado di impensierire le locali, nonostante l’ace di Melandri (3-2). Gherardi compie un’altra prodezza per il 5-2, con relativo timeout delle avversarie. Quindi un paio di scambi particolarmente equilibrati (7-6), con Giombini che pare lottare un po’ da sola contro la Clai ed il muro solitario di Bughignoli sull’esterna ospite vale il 10-6. L’invasione a muro di Jesi fa allungare Imola sul 14-9. Sulla parallela da zona 2 di Gherardi obbliga Jesi a rifugiarsi in timeout (15-9). La Clai riesce a gestire il vantaggio, seppur con qualche punto concesso alle rossonere ospiti (16-11). Esce Carnevali per Gherardi (una delle migliori in campo con 9 punti personali fino a questo momento) al servizio. Sul +7 (18-11) le ragazze di Turrini cercano di allungare in maniera incisiva, sfruttando anche qualche errore delle ospiti e una palla pazzesca in lungolinea di Bughignoli (20-12). Il 22-14 è frutto dell’azione più spettacolare del match con la difesa in tuffo a una mano di Rizzo e l’attacco di potenza di Bughignoli. Sul 23-15 Turrini chiude il doppio cambio rimettendo in campo Cavalli e Gherardi, con il capitano in battuta. L’errore al servizio di Jesi offre ben 8 setpoint alle locali (24-16): Gherardi in lungolinea non perde tempo e chiude subito il parziale, firmando il primo punto in campioinato della Clai Imola: 2-0. Grande prestazione delle tre esterne della Clai, oltre a Rizzo (7): Gherardi e Bughignoli 10 punti personali, ma in generale è la compattezza di squadra (anche nel reparto arretrato) a impressionare fino a questo punto del match.

Nel terzo set la Clai si ripresenta con il solito schema offensivo, mentre Jesi prova a variare le carte in tavola, cambiando la linea delle esterne. Inizia bene Imola (6-3), con le ospiti che mostrano buone cose anche con Canuti al centro (7-5). Rizzo accetta la sfida e con un attacco ed una difesa in tuffo (poi veloce di Melandri) contribuisce in modo determinante al 9-5. Jesi cerca di risalire la china nella speranza di allungare il match almeno fino al 4° set (12-10). Gasbarroni indovina un primo tempo spettacolare per Canuti, mentre dall’altra parte Cavalli spinge Folli per un diagonale di pura forza (14-11). E la partita si infiamma, con un gran lavoro a muro di Foresi su Bughignoli, mentre Rizzo tira a segno un rigore esattamente sulla riga esterna (15-13). Jesi accorcia, poi impatta, quindi sorpassa sul 16-15 con un bell’ace di Foresi che poi, però, spara fuori dai 9 metri. Le ospiti pasticciano e la Clai torna avanti sul 17-16. Si prosegue punto a punto, con Paolucci che mette a terra il 18-18. E’ certamente il momento di maggior tensione in campo e con il 18-19 per Jesi, coach Turrini decide di interrompere il gioco per un timeout. Alla ripresa del gioco, l’attacco a tutto braccio di Folli esce di qualche centimetro e Jesi riesce a prendersi un buon vantaggio (18-21). Dopo un paio di scambi confusi ma molto emozionanti, è determinante l’apporto offensivo di Folli che con due colpi (a cavallo del timeout ospite) stordisce le avversarie. Il pallonetto millimetrico di Gherardi da opposta riporta avanti Imola sul 22-21. Jesi impatta tra qualche piccola polemica imolese per un tocco dubbio. Paolucci spara fuori da opposta e Imola torna in vantaggio 23-22. Carnevali entra di nuovo per il turno di battuta (la specialità della casa) che favorisce il punto del 24-22 per la Clai che si porta a un punto dal 3-0. Timeout ospite. Canuti in fast la mette nell’angolo lontano e Giombini trova il 24-24 con timeout di Turrini. Ma alla ripresa del gioco, due errori consecutivi delle ospiti consegnano il set e partita alle ragazze della Clai Imola.

Festa grande in casa Imola, a fine partita

1^ giornata minigirone D1
Clai Imola-Pieralisi Jesi 3-0
3M Pallavolo Perugia-Filottrano 3-0
Castelbellino-Cesena 3-0