La scomparsa di Andrea Rinaldi

Il 19enne calciatore con trascorsi all'Imolese è deceduto a causa di un aneurisma cerebrale. Il cordoglio del presidente rossoblu Lorenzo Spagnoli
11.05.2020 14:30 di Carlo Dall'Aglio   Vedi letture
La scomparsa di Andrea Rinaldi

E’ appena giunta la notizia della prematura e tragica scomparsa di Andrea Rinaldi, 19enne calciatore che nella scorsa stagione militò nell’Imolese.

Giovane promessa cresciuto nell’Atalanta, Rinaldi era attualmente parte della rosa del Legnano, in prestito. Oltre all’Imolese, al Legnano ed alla Primavera della Dea, Rinaldi vestì anche la maglia del Mezzolara. Il tutto mentre il sogno del ragazzo era senz’altro quello di rientrare nei piani tecnici della squadra d’origine, quell’Atalanta capace di sfornare talenti a volontà.

A quanto risulta, Rinaldi sarebbe stato vittima di un aneurisma cerebrale che lo avrebbe colpito durante un allenamento individuale nella propria abitazione: giunto al reparto di Rianimazione dell'Ospedale di Varese già in condizioni gravissime, l’evoluzione del quadro clinico ha portato al decesso.

A darne notizia è stato il suo procuratore, Marco Montesarchio. Lo ha fatto pubblicando un messaggio su Facebook, a corredo di un video dedicato al giovane che non ce l'ha fatta. Dolore immenso e cordoglio per una vita volata via troppo in fretta. "Se non lotti per ciò che desideri, non piangere per ciò che perdi", è la frase simbolo che il suo agente sceglie per definire il carattere di Andrea Rinaldi.

Questo il cordoglio dell’Imolese e del presidente Lorenzo Spagnoli:

“Imolese Calcio 1919 apprende con estremo dolore la notizia della prematura scomparsa di Andrea Rinaldi, calciatore 19enne che nella scorsa stagione ha vestito i colori rossoblù.
Il Presidente Lorenzo Spagnoli a nome di tutta la società si stringe intorno alla famiglia in questo momento di profonda tristezza”