Le legge di Tommy

E' il mordanese Tommaso Marangoni il protagonista assoluto della sfida tra Intech Virtus Imola e Orange1 Bassano. Male all'esordio i gialloneri.
17.05.2021 19:25 di Carlo Dall'Aglio   vedi letture
Tommaso Marangoni
Tommaso Marangoni
© foto di Virtus Imola

Serie C Gold Girone Oro – 1^ giornata andata
BASKET ORANGE BASSANO-INTECH VIRTUS IMOLA 80-75
(parziali: 22-19 / 40-47 / 54-57)
Bassano: Marangoni 19, Agbamu 11, Fiusco 18, Brescianini 5, Creta 4, Rigon, Kissima ne, Nnabuife 4, Mazzotti 3, Torrigiani 8, Fabiani 4, Calamita 4. All: Gallea
Imola: Salsini 2, Dalpozzo ne, Aglio 17, Ramilli, Murati, Locci 4, Magagnoli 4, Ranocchi 16, Barattini 9, Savino, Begic 23. All: Regazzi
Arbitri: Crivellaro e Volgarino

Brutta caduta per la Virtus Imola che scivola 75-80 a Bassano del Grappa (VI) contro i giovani ragazzi (under 16 e 18) dell’Orange1, nel primo turno del girone Oro. Inizio pessimo, dunque, nel cammino che porterà alle final 4 promozione. Bene Begic (23), bene Aglio che ridà vitalità alla squadra in vari momenti, bene Ranocchi, ma a fine gara resta il rammarico di non aver portato a termine una vittoria che era nei pronostici e alla portata di mano, visto che a soli 7’ dalla sirena finale Imola era avanti sul +7. Determinante per la vittoria veneta, l’ala mordanese Tommaso Marangoni che realizza 6 triple su 7 tentativi e 19 punti complessivi. Da brividi il tiro della vittoria, bruciando la retina a 30” dalla fine.

Sabato 22 maggio occasione d’oro per Aglio e compagni, in casa al PalaRuggi, contro Oderzo (che ha superato sul +1 Ferrara): il 2° turno del girone Oro proporrà una giornata importante (se non fondamentale) per diverse squadre. Di certo, l’equilibrio sta dominando nella classifica.

La cronaca.

L’Intech debutta nel girone Oro, spedendo in campo Locci, Barattini, Ranocchi, Ramilli e Begic. Risponde Bassano con Fiusco, Fabiani, Mazzotti, Brescianini e Agbamu. I primi minuti portano la firma di Gianmarco Fiusco che infiamma i suoi con due triple consecutive (0-6). Begic e Ranocchi accorciano e impattano 6-6, prima che i padroni di casa tornino avanti 6-10 dalla lunetta dopo 4’. Barattini alza la palombella morbida che si appoggia alla tabella, imitato (solo retina) da Aglio dalla mattonella dei tiri liberi per il 10-10 a metà esatta della frazione. Mazzotti e Marangoni dalla distanza non perdonano e riportano a 6 le lunghezze di vantaggio per gli arancioneri. Aglio e Agbamu concretizzano il 19-22 con cui ci si ferma per il primo intervallo breve. Nei primi 3’ del secondo quarto Imola riesce a portarsi avanti 28-26, ma nei minuti successivi scende un po’ il ritmo e si registrano meno azioni importanti, fino alla tripla di Barattini e (immediata) Marangoni per il 31-32 per i padroni di casa. Nnabuife segna (con fallo) per il 33-34 a metà frazione. A 4’ dall’intervallo capitan Creta prima segna una tripla frontale, quindi nel proseguo dell’azione colpisce fallosamente un Barattini in rampa di lancio nella penetrazione in area, ricevendo l’antisportivo dalla coppia arbitrale. Il play, Aglio e Ranocchi riportano avanti Imola sul 40-37 . Bassano va in tilt in un paio di azioni consecutive offensive e coach Gallea è obbligato a intervenire con un timeout. All’intervallo ci si arriva con i canestri di Magagnoli, Aglio e Barattini che firmano il 47-40. La Virtus chiude avanti pur senza brillare particolarmente, ma dando l’idea di poter gestire e “governare” l’esuberanza fisica dei giovani locali.
Al rientro in campo, tra l’altro,. Ivan Begic piazza subito il colpo che potrebbe stendere gli avversari con una splendida tripla (con super finta che manda a farfalle l’avversario diretto) per il +10 (50-40), ma Bassano non abbassa il ritmo e continua a macinare gioco e tiri. E lo stesso croato mantiene il vantaggio pochi minuti dopo (52-42). Al 3’ Fiusco segna un’altra tripla personale e i locali cominciano a intravedere la luce della rimonta, anche perchè Imola continua a commettere errori in attacco. Il contropiede lanciato da Magagnoli e finalizzato da Begic offre il +9 (54-45)) al 4’ esatto di gioco. Al 5’ Salsini si scontra con Fiusco che stava uscendo in velocità dalla propria area, per l’arbitro non ci sono gli estremi per fischiare fallo e lo stesso Salsini si eleva per appoggiare a canestro. Ma in quel momento lo stesso arbitro fischia il fallo tecnico (per evidenti proteste) a coach Gallea, annullando (di fatto) il canestro imolese. Gli ospiti non ne approfittano, ma anche i veneti perdono palla nell’azione successiva non tirando nei 24” a disposizione e Salsini commette infrazione di passi. E’ un momento particolarmente caotico del match, dove le due squadre sbagliano parecchio. La sblocca Brescianini con una proficua penetrazione dalla destra: 54-47 a 3’45” dalla sirena. Subito dopo Ranocchi, libero sulla destra, mostra i muscoli con una rasoiata dall’arco che vale il nuovo +10 che, ai più, pare spianare la strada ai gialloneri. Ma Brescianini  e Fiusco non ci stanno e riaprono i conti con altre due importanti progressioni: a 1’ dalla sirena, Imola conduce 57-54, con cui va a chiudere il 3° quarto. Massimo equilibrio, dunque, a 10’ dalla sirena finale. In campo Regazzi schiera Ranocchi, Aglio, Barattini, Salsini, Magagnoli e Locci. Risponde Gallea con Mazzotti, Marangoni, Agbamu, Creta e Fabiani. Marangoni finalizza il primo possesso arancionero bruciando la retina dall’arco e impattando a quota 57. Ma nei 2’ successivi Magagnoli appoggia alla tabella e Begic inventa una favolosa traiettoria dall’arco di sinistra per il 62-57. E per l’ennesima volta, in serata, i gialloneri appaiono in rampa di lancio verso un rush vincente. Tanto più che Begic allunga in penetrazione sul nuovo +7 (64-57 al 2’30”). Ma ancora una volta Bassano dice no alla fuga imolese: Fabiani appoggia alla tabella e Marangoni entra in un fantastico loop chirurgico dalla linea dei 3 punti sul versante sinistro, annullando, di fatto, lo svantaggio (64-62 al 3’30”). Begic segna, ma segna anche Torrigiani (da 3) e Bassano è di nuovo lì, ad un passo (66-65). A 4’30” dalla sirena Begic lancia Aglio in contropiede per il +3, mentre i locali segnano con Agbamu (2/2 ai liberi) e Fiusco il nuovo vantaggio bassanese sul 68-69 a 4’ dalla fine. Dalla media distanza Nnabuife allunga sul +3, mentre il tempo comincia a sfavorire i gialloneri. Ranocchi penetra e Marangoni fa 1/2 dalla lunetta e il punteggio si fissa sul 70-72 all’8’. A 1’35” dalla sirena Fiusco si getta nella mischia in area con fiducia, ma il suo appoggio balla sul ferro: l’intervento in schiacciata di Agbamu è dirompente, nel senso letterale del termine, visto che il match viene interrotto per circa 15’ per la riparazione del tabellone e del canestro. Si riprende il rush finale con Bassano avanti 70-74, a poco più di un giro di lancette dalla fine. Il canestro che gela Imola lo realizza dalla distanza Destiny Agbamu che si mostra preciso (oltre che devastante fisicamente) anche dall’arco centralmente: la sua tripla vale il +7 che, in pratica, chiude i conti (70-77) a 1 solo minuto dalla fine. Negli ultimi 40” arrivano la tripla di Ranocchi (73-77) e quella, ancora più decisiva, di Marangoni che manda tutti sotto la doccia sul +7. C’è giusto il tempo per l’ultimo canestro in penetrazione di Begic e per null’altro. Finisce con la vittoria di Orange1 Bassano 80-75 sulla Intech Virtus Imola.

Girone Oro 1^ giornata andata
Orange1 Bassano-Intech Virtus Imola       80-75
Oderzo-Ferrara                                              73-72
Jesolo-Aviators Lugo                                    16.06.21          20,30

Classifica:
Jesolo e Ferrara 6, Intech Virtus Imola 4, Oderzo 4, Aviators Lugo 2, Orange1 Bassano 2.

Girone Argento 1^ giornata andata
Mirano-Cestistica Verona                            68-76
Piani Junior-Basket Leoncino                       59-70

Classifica:
Mirano 6, Molinella e Piani Junior 4, Basket Leoncino 4, Cestistica Verona 2.